Tragedia nella giornata odierna, mercoledì 14 ottobre, all'ospedale Gaetano Rummo di Benevento, dove un paziente, positivo al Covid, è morto dopo essere caduto da una finestra del nosocomio sannita. La vittima, dopo esser risultata positiva al tampone per il Sars-Cov-2, era stata ricoverata nell'ospedale di Benevento lo scorso 8 ottobre e attualmente si trovava nel reparto di Pneumologia/sub-intensiva dell'area Covid dell'ospedale. Ancora poco chiara la dinamica di quanto accaduto: l'uomo è caduto dalla finestra delle stanza nella quale era ricoverato, al secondo piano dell'edificio, atterrando prima su una tettoia e poi cadendo sull'asfalto; nonostante i soccorsi siano stati immediati, per l'uomo non c'è stato niente da fare, a causa delle gravi lesioni riportate nella caduta. Sul posto sono arrivati gli agenti della Polizia di Stato, che hanno eseguito tutti i rilievi necessari a stabilire se si sia trattato di un fatale incidente oppure di un gesto volontario; da quanto si apprende, le condizioni di salute dell'uomo erano in netto miglioramento e attendeva di essere sottoposto ai tamponi che decretassero la sua guarigione definitiva dal Coronavirus.

Lo scorso 15 febbraio, davanti all'ospedale Rummo, fu trovato il cadavere di un anziano di 85 anni. La badante della vittima, una donna di 65 anni, il prossimo novembre finirà a processo: la donna, infatti, che ha accudito l'85enne per 12 anni, dopo la sua morte lo ha avvolto una coperta e lo ha lasciato nei pressi del nosocomio beneventano. Nel giro di poche ore dal ritrovamento del cadavere, grazie alle telecamere di videosorveglianza della zona, la donna è stata rintracciata e arrestata.