365 CONDIVISIONI
16 Aprile 2022
8:30

Armati di pistola, inseguiti dai carabinieri cadono a terra: l’arma fu rubata ad una guardia giurata

Torre Annunziata, inseguiti dai carabinieri perché erano scappati nelle vicinanze di un posto di blocco.
A cura di Redazione Napoli
365 CONDIVISIONI
La pistola sequestrata al tredicenne.
foto archivio

Armati in giro di notte, non si sa per quale motivo, ma sicuramente poco contenti di incontrare sul loro cammino i carabinieri. Torre Annunziata, esterno notte: in due, sono a bordo di uno "scooterone",di quelli che hanno la ripresa eccezionale e sono ottimi per accelerare e sgusciare via tra i vicoli ad ogni sentore di pericolo. Percorrono via Torretta di Siena, proprio dove una pattuglia di carabinieri della sezione radiomobile di Torre Annunziata stava facendo controlli. I due vedono la luce dei lampeggianti da lontano, fanno inversione subito e vanno dal lato opposto. I carabinieri capiscono l'andazzo, mettono in modo e li inseguono.

Dura poco: i due sono anche maldestri, cadono dallo scooter. L'uomo armato è a terra, il complice scappa (ma potrebbe essere stato identificato). Quello armato cerca di divincolarsi ma è tenuto a terra. Perquisito, è trovato in possesso di una pistola Beretta 98FS, fino al 2013 nella fondina di una guardia giurata avellinese poi vittima di furto. Nel caricatore 11 proiettili 9×21 millimetri. Si tratta di un 42enne della zona, C. M.,  finito in carcere ed ora in attesa di giudizio. L’arma sarà sottoposta ad accertamenti  balistici e dattiloscopici per verificare se sia stata utilizzata per fatti di sangue o intimidazione.

365 CONDIVISIONI
Tre rapine in un'ora a Nord di Napoli: banditi armati di pistole e fucili, potrebbe essere la stessa banda
Tre rapine in un'ora a Nord di Napoli: banditi armati di pistole e fucili, potrebbe essere la stessa banda
Ambulanza presa a bottigliate, poi medico e guardia giurata aggrediti al pronto soccorso
Ambulanza presa a bottigliate, poi medico e guardia giurata aggrediti al pronto soccorso
Armati di pistole rapinano le Poste a Caserta, ma il bottino è misero: poche centinaia di euro
Armati di pistole rapinano le Poste a Caserta, ma il bottino è misero: poche centinaia di euro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni