Prima di ragionarci, occorre fare attenzione alle parole. La Medicina, la Ricerca  scientifica più in generale, si muove per esperienze e non ha verità in tasca. Dunque sulla vicenda dell'acqua ossigenata da utilizzare nelle cure contro il Coronavirus è fondamentale tenere d'occhio la prima – si è proprio la prima – parola dello studio dei ricercatori universitari napoletani, pubblicato il 22 aprile scorso sulla rivista "Infection Control & Hospital Epidemiology" della Cambridge University e sorprendentemente diventato oggi oggetto enorme attenzione nell'opinione pubblica italiana. La prima parola dello studio in inglese, è «might». Ovvero: «potrebbe». Il perossido di idrogeno potrebbe ridurre il tasso di ospedalizzazione e le complicazioni dell'infezione da SARS-CoV-2? Potrebbe, lo speriamo tutti. Così come speravamo tutti nel farmaco immunosoppressore  Tocilizumab, quello che in Campania è stato definito con una semplicistica associazione ad personam il "farmaco Ascierto" (dal nome dell'oncologo napoletano che ha guidato parte della sperimentazione).

Ma perché uno studio sull'acqua ossigenata anti-Covid catalizzi così tanta attenzione non si spiega solo con la legittima preoccupazione, ormai da quasi un anno sull'incedere inesorabile della pandemia che purtroppo pare vada oggi verso una nuova recrudescenza con una impennata di casi verso l'autunno e inverno 2020.  Abbiamo introiettato anni di film catastrofici di fantascienza e non (uno su tutti: Contagion) che ad un certo punto si risolvevano con qualcosa sotto gli occhi di tutti. Il flaconcino bianco dell'acqua ossigenata, quello che tutte le famiglie hanno nel cassetto delle medicazioni, è uno di quegli oggetti di uso comune. Abituati come siamo al lieto fine, alla risoluzione di tutti i problemi con ciò che abbiamo già davanti, assemblato o utilizzato diversamente dal consueto, secondo un pensiero laterale entusiasmante (la cosiddetta tecnica McGyver o A-Team, ve li ricordate i telefilm?) in cuor nostro tutti speriamo di cacciar via il mostro con due gargarismi d'acqua ossigenata. Spoiler: non sarà così.

Se lo studio condotto dal pool di ricercatori napoletani che promuove in ambito medico gli sciacqui con precise soluzioni di perossido d'idrogeno sarà accolto, verificato e convalidato dalla comunità scientifica internazionale saremo tutti felici per questo tassello in più. Ma la battaglia anti-Covid è ancora da vincere. Al lavoro c'è gran parte della ricerca mondiale, a caccia della giusta soluzione, di un vaccino che ovviamente necessiterà dei suoi tempi per essere verificato e validato. Dunque, per ora i nostri unici alleati restano i comportamenti: distanziamento sociale, mascherina, frequente lavaggio delle mani.