37 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Turista inglese denuncia di aver subito una violenza sessuale alle terme di Milano: identificato un 25enne

Una 29enne ha denunciato ai carabinieri di essere stata violentata negli spogliatoi maschili delle terme di Porta Romana a Milano. L’assalitore sarebbe un 25enne che aveva appena conosciuto.
A cura di Enrico Spaccini
37 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Una turista inglese ha denunciato di essere stata violentata da un ragazzo italiano negli spogliatoi maschili delle terme di Porta Romana a Milano. La 29enne ha spiegato ai carabinieri di aver conosciuto quell'uomo, un 25enne, nel pomeriggio di ieri, martedì 31 gennaio, nel centro benessere. Intorno alle 22 lo sconosciuto l'avrebbe invitata a seguirlo in un posto appartato dove, stando a quanto riferito dalla ragazza, sarebbe stata costretta a subire atti sessuali contro la sua volontà. Il ragazzo è stato già identificato e ora i militari stanno cercando conferme della presunta violenza.

La denuncia della 29enne

La chiamata al 112 è arrivata intorno alle 23 del 3 gennaio da un Bed&breakfast di via Maghera in zona Wagner. Come riportato da Il Giorno, la 29enne, che ha preso lì una stanza in affitto con altre persone per trascorrere qualche giorno di vacanza a Milano, ha raccontato di aver subito una violenza sessuale e in pochi minuti sono arrivati i carabinieri del nucleo Radiomobile.

Come ha raccontato la ragazza, quel giorno si trovava insieme a una sua amica e connazionale nel centro benessere di Porta Romana. Lì avrebbe conosciuto un ragazzo, probabilmente italiano di circa 25 anni, che ha poi incontrato di nuovo intorno alle 22. Dopo averci parlato un po', l'avrebbe convinta a lasciare il cellulare all'amica e di seguirlo negli spogliatoi maschili.

È lì che, stando a quanto riferito dalla 29enne, sarebbe avvenuta la violenza. Poco dopo la ragazza sarebbe riuscita a opporre resistenza e a chiamare l'amica, ma ormai il 25enne si era allontanato.

Le indagini

Dopo aver raccolto le prime dichiarazioni della ragazza, i carabinieri l'hanno portata in caserma a ufficializzare la denuncia e un'ambulanza l'ha accompagnata al centro specializzato della clinica Mangiagalli per essere visitata dai medici e assistita dagli psicologi.

Mentre si attende il referto medico che attesti la violenza subita, i militari sono al lavoro per cercare riscontri nella ricostruzione fornita dalla 29enne. Grazie ai sistemi di sorveglianza, intanto, il 25enne è già stato identificato grazie ai tatuaggi. La ragazza in sede di denuncia lo aveva descritto come vistosamente tatuato ed è stato riconosciuto dai filmati delle telecamere.

37 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views