Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Si è concluso con un nulla di fatto il quinto giorno di ricerche della ragazza di 16 anni scomparsa tra le acque del fiume Adda lo scorso martedì 1° settembre: Hasfa, residente a Sondrio e originario del Marocco, è stata trascinata via dalla corrente mentre tentava di raggiungere la sponda opposta insieme con un'amica. Le ricerche sono iniziate subito ma al momento non è stata trovata traccia del corpo della giovane.

Dimezzato il livello dell'Adda per favorire le ricerche

I volontari della Protezione Civile insieme con i vigili del fuoco e gli uomini della guardia di finanza sono impegnati senza sosta nelle ricerche di Hasfa: in decine hanno preso parte in questi giorni alle operazioni di ricerca effettuate nelle zone adiacenti al luogo dell'incidente avvenuto lo scorso martedì nel tratto di fiume dove il torrente Mallero si immette nel fiume Adda, poco distane da Sondrio. E proprio per favorire le operazioni di ricerche ieri, 5 settembre 2020, le società idroelettriche hanno dimezzato il livello dell’Adda diminuendo l’apporto di acqua: purtroppo però di Hasfa non c'è traccia.

Hasfa trascinata via dalla corrente

Anche quest'oggi le ricerche riprenderanno per l'intero tratto che costeggia il fiume Adda e fino allo sbarramento di Ardenno. Sull'incidente sono al lavoro i carabinieri che stanno tentando di ricostruire la dinamica dell'accaduto: sembra che le due ragazze, due cugine di rispettivamente 16 e 19 anni, si fossero recate al Parco Bartesaghi, sulle sponde del fiume Adda nei pressi di Sondrio, per trascorrere qualche ora di relax dopo una settimana di maltempo. La più giovane si trovava sulla riva del fiume, all’altezza della confluenza con il torrente Mallero, quando ha deciso di attraversare un guado per recarsi sull'altra sponda del corso d’acqua. Purtroppo però non ha fatto in tempo a raggiungere una sorta di spiaggetta perché è stata trascinata via dalla corrente davanti agli occhi attoniti della cugina.