145 CONDIVISIONI
19 Luglio 2022
16:45

Si stacca una parte rocciosa del ghiacciaio in Alta Valtellina: cosa sta succedendo

Decine di metri cubi di roccia dal fianco settentrionale del Palon de la Mare, del gruppo Ortles- Cevedale, si sono staccata nei giorni scorsi. Il sindaco di Valfurva fa sapere che non ci sono stati danni.
A cura di Giorgia Venturini
145 CONDIVISIONI

Si stacca parte del ghiacciaio dell'Alta Valtellina. Nelle ultime ore alcune decine di metri cubi di roccia dal fianco settentrionale del Palon de la Mare, del gruppo Ortles- Cevedale, si sono staccate dalla parete della montagna: "Nulla di grave. Nessun danno grave", fa sapere a Fanpage.it il sindaco di Valfurva Angelo Cacciotto.

Il distaccamento a 3.400 metri

Il crollo infatti sarebbe avvenuto in una zona poco frequentata dagli escursionista seppur in questi giorni l'Alta Valtellina (Sondrio) è già invasa dai tanti turisti. A chi però era in zona non è parso inosservato il forte boato che si è sentito. Visibile anche da valle il fumo, nonostante il cedimento della roccia sia avvenuto a un'altezza di 3.400 metri, sulla cima più elevata di quelle che circondano il ghiacciaio dei Forni. La roccia si è staccata ai margini del ghiacciaio Col de la Mare II: non è che uno dei tanti ghiacciai che si trova a fare i conti con il gran caldo di questi giorni.

La situazione ghiacciai spiegata dal glaciologo Smiraglia

"È normale che d'estate il ghiacciaio perda centimetri, il vero problema è quando questi centimetri di ghiaccio non si riformino durante l'inverno", aveva spiegato nei giorni scorsi a Fanpage.it il glaciologo Claudio Smiraglia, già professore dell'Università degli Studi di Milano ed esperto sulla situazione del ghiacciaio dei Forni. Che poi ha aggiunto: "Come quest'anno, quando d'inverno è mancata tutta l'alimentazione nevosa e già a fine primavera le temperature erano ben oltre la media stagionale: questo non fa altro che accelerare la ritirata dei ghiacciai. È un dato di fatto indiscutibile. Questi periodi di forte siccità poi di certo non aiutano".

La frana a qualche giorno dalla tragedia della Marmolada

Ora il crollo di questa parte di montagna ai margini del ghiacciaio arriva a qualche giorno di distanza dalla tragedia del ghiacciaio della Marmolada, dove il crollo di parte di ghiaccio e roccia ha travolto e ucciso 11 escursionisti. In Valtellina fortunatamente non ci sono stati danni e nessuna persona è rimasta ferita da qualche detrito. Nei giorni subito successivi alla frana sulla Marmolada il sindaco Cacciotto aveva precisato a Fanpage.it: "Abbiamo avuto alcuni dissesti a causa dei cambiamenti climatici degli ultimi tempi. Le alte temperature provocano il disgelo e l'acqua poi è la causa di alcune frane. Ora è tutto sotto controllo". Ma poi tiene a precisare: "Per evitare tragedie in montagna è necessaria la prevenzione. Fare manutenzione però è sempre molto complicato. Troppa burocrazia e spesso i forni non ci sono. Eppure eviterebbero tragedie come quelle di ieri".

145 CONDIVISIONI
"Lo scontro fra Moratti e Fontana è una pagliacciata che danneggia la Lombardia": l'affondo di Di Marco (M5S)
Viviana Caglioni, picchiata fino alla morte: condannato a 19 anni l'ex compagno
Viviana Caglioni, picchiata fino alla morte: condannato a 19 anni l'ex compagno
Gli puntano una pistola al volto per rubargli il Rolex da 15mila euro: arrestati
Gli puntano una pistola al volto per rubargli il Rolex da 15mila euro: arrestati
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni