In Lombardia è stata superata ormai da tempo la soglia "psicologica" di un milione di dosi di vaccino anti Covid. Sono state somministrate infatti 1.775.683 dosi di vaccino contro il Covid-19 su 2.061.680 consegnate, pari al 78 per cento del totale. L'ultimo dato è aggiornato nella mattinata di oggi, martedì 6 aprile. Ieri erano state somministrate 1.748.029 dosi di vaccino contro il Covid-19 su 2.061.680 consegnate, pari al 84,8 per cento del totale. I dati relativi alla campagna vaccinale sono consultabili nell'apposita sezione del sito del Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, presente sul sito del governo.

I vaccinati per sesso, categoria e fasce d'età

Il report contiene i dati relativi a sesso, categorie e fasce d'età dei vaccinati. In questo momento le fasi in corso (alcune quasi già terminate, altre in via di conclusione) sono la 1 e la 1-bis e la 1-ter. La prima riguarda operatori sanitari e sociosanitari, personale non sanitario delle diverse strutture (Asst, Rsa, ospedali privati) e ospiti delle strutture residenziali. In corso dal 18 febbraio le somministrazioni degli over 80, che dovrebbero terminare entro l'11 aprile. Partite anche le vaccinazioni per gli insegnanti, il personale delle università, le forze dell'ordine. Il 12 aprile inizieranno le vaccinazioni di massa per le persone tra i 75 e 79 anni. Tra i vaccinati, 1.119.882 sono donne e 655.801 sono uomini. La fascia d'età finora maggiormente coperta dalla vaccinazione è ora quella tra gli 80 e gli 89 anni (567.818), seguita da quella 50-59 anni (283.116). Sono state effettuate inoltre 1.954 vaccinazioni nella fascia d'età 16-19, 127.272 nella fascia 20-29 anni, 173.230 nella fascia 30-39, 224.759 nella fascia 40-49, sono poi state somministrate 166.558 dosi nella fascia d'età 60-69 anni. Solo 74.366 dosi nella fascia 70-79, quella più penalizzata finora, e 156.610 a persone ultra 90enni. A livello di categorie, finora sono stati vaccinati per la maggior parte gli over 80. Seguono operatori sanitari e sociosanitari, il personale scolastico, il personale non sanitario e gli ospiti delle strutture residenziali. Ultima categoria per dosi somministrate le forze armate.