Il campo dell’Esercito in via Novara a Milano (Foto: Fanpage.it)
in foto: Il campo dell’Esercito in via Novara a Milano (Foto: Fanpage.it)

I medici e i direttori delle varie Asst sparse sul territorio lo stanno ripetendo a non finire: la pressione sugli ospedali e i relativi pronto soccorso è alle stelle, insopportabile.

Troppa pressione sui pronto soccorso, codici verdi visitati al campo dell'Esercito

Così, con un accordo tra esercito, Comune di Milano e Azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia, da ieri, domenica 8 novembre, tutti i codici verdi dell'area vengono visitati direttamente in ambulanza presso il campo allestito dai militari dove sino a poco tempo fa venivano realizzati solamente i tamponi in via Novara, a pochi passi dal quartiere di Figino.

Pazienti visitati direttamente in ambulanza

Tutti coloro i quali necessitino di un'ambulanza o di un soccorso immediato, e venissero etichettati quali codici verdi, vengono dunque portati lì. In caso di necessità di ospedalizzazione, invece, verranno portati fuori città, altrimenti riaccompagnati a casa. A stabilire la diagnosi saranno dei medici che saliranno a bordo delle ambulanze in arrivo e provvederanno alla visita dei pazienti, tutti sottoposti a tampone per verificare un'eventuale contagio da Covid-19.

Il campo spostato in zona Fiera Milano?

L'Esercito italiano ha fornito la parte logistica, il Comune di Milano gli spazi e le strutture di supporto. Prossimamente, l'idea è quella di trasferire il campo nella zona della Fiera Milano, forse – stando a quanto riportato da MilanoToday – già a partire da dopodomani, mercoledì 11 novembre. Contemporaneamente, al campo di via Novara, continua il programma di screening e di effettuazione dei tamponi col metodo drive through.