Foto: Simone Giancristofaro
in foto: Foto: Simone Giancristofaro

La polizia schierata in tenuta antisommossa nella zona di piazzale Loreto ha impedito che si tenesse la manifestazione contro il Dpcm e le misure anti Coronavirus che era stata annunciata per le 20.30 di sabato 31 ottobre a Milano.

Polizia schierata in piazzale Loreto: non si tiene il nuovo corteo di protesta

Gli agenti presenti in forze hanno presidiato la zona. Una ventina di antagonisti è stata fermata e identificata a Milano, lungo viale Monza. Il gruppo stava appunto raggiungendo la piazza dove era atteso il concentramento dei manifestanti. È quindi saltata l'iniziativa era stata pubblicizzata sui social attraverso volantini virtuali senza firma: sul posto non si è presentato nessuno tranne il gruppetto fermato poco lontano.

Lunedì sera gli incidenti a Milano

L'imponente dispiegamento di forze dell'ordine è stato deciso dopo gli incidenti che si sono verificati lunedì sera, quando un centinaio di manifestanti partiti proprio da piazzale Loreto hanno dato vita a una violenta protesta, sfociata in scontri con la polizia, lanci di molotov, danni a vetrine, auto e un tram. I manifestanti, alcuni armati di catene e spranghe, hanno ferito al volto un poliziotto con una bottiglia, poi hanno lanciato sassi contro la sede della Regione Lombardia. Per disperderli è stato necessario l'utilizzo dei lacrimogeni. Alla fine sono stati 28 i denunciati dalla Questura, di cui 13 minorenni.

"Aiuto, ci stanno sequestrando!", hanno urlato alcuni dei ragazzi fermati dalle forze dell'ordine. Dopo l'identificazione sono stati lasciati liberi di proseguire in direzione periferia. Da quel momento non è avvenuto più nulla.