136 CONDIVISIONI
8 Luglio 2021
12:50

Imbianchino morto dopo una caduta in cantiere: era un padre di famiglia e lavorava in nero

Roberto Bigini, imbianchino 60enne, è morto ieri in ospedale dopo essere rimasto vittima di un incidente sul lavoro a Sarezzo, in provincia di Brescia. L’uomo è caduto da una scala mentre tinteggiava le pareti di un capannone. Stando a quanto ricostruito, l’uomo lavorava in nero. La vittima era un padre di famiglia: i suoi cari hanno autorizzato l’espianto degli organi.
A cura di Francesco Loiacono
136 CONDIVISIONI

È caduto da una scala mentre stava lavorando, a quanto pare in nero, per dipingere le pareti di un capannone industriale a Zanano di Sarezzo, in provincia di Brescia. E a distanza di 24 ore da quell'incidente è morto. Non ce l'ha fatta Roberto Bigini, ennesima vittima del lavoro in Lombardia. L'uomo era originario della Toscana ma da ormai decenni viveva a Brescia: era un imbianchino specializzato e martedì mattina, 6 luglio, stava svolgendo il proprio lavoro in un capannone in via Galileo Galilei a Zanano, una frazione di Sarezzo. Mentre si trovava su una scala per tinteggiare le pareti della struttura l'uomo ha perso l'equilibrio ed è precipitato al suolo, per cause da accertare. Nell'impatto ha riportato gravi traumi alla testa: è stato soccorso e trasportato d'urgenza in ospedale, dove ha lottato per circa 24 ore tra la vita e la morte. Nella serata di ieri, mercoledì 7 luglio, i medici hanno però constatato il decesso: troppo gravi i traumi riportati nella caduta.

I famigliari dell'operaio edile hanno autorizzato l'espianto degli organi

La salma dell'operaio edile è ancora a disposizione dell'autorità giudiziaria, che sta ultimando gli accertamenti prima di restituirla ai famigliari. Bigini era sposato e padre di famiglia: i suoi cari hanno autorizzato l'espianto degli organi, che potranno così salvare la vita ad altre persone. Le indagini degli ispettori del lavoro dell'Agenzia per la tutela della salute e dei carabinieri avrebbero accertato che l'uomo, che lavorava per una ditta esterna, non era in regola per quanto riguarda il contratto di assunzione: lavorava in nero. Bisognerà adesso capire se la ditta per cui prestava la propria manodopera fosse in regola per quanto riguarda le norme sulla sicurezza.

136 CONDIVISIONI
"Mio padre è morto abbandonato per 26 ore su una barella in ospedale": la denuncia di Luca Paladini
Morto a 29 anni mentre scia con la famiglia, sequestrati il cannone sparaneve e la pista
Morto a 29 anni mentre scia con la famiglia, sequestrati il cannone sparaneve e la pista
Tutti i dubbi sul caso di Gabriel, morto dopo un festino a base di sesso e droga con il compagno 71enne
Tutti i dubbi sul caso di Gabriel, morto dopo un festino a base di sesso e droga con il compagno 71enne
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni