Tra ritardi e polemiche legate alla distribuzione dei vaccini anti Covid in Lombardia, nella provincia di Como ad oggi lunedì 4 gennaio gli operatori sanitari a cui è già stata somministrata la dose sono 422. In una delle zone più colpite dalla seconda ondata del virus il Piano vaccinale è pronto a subire un'accelerata dopo i tre giorni del 27 e 31 dicembre e del 3 gennaio quando le persone vaccinate sono state rispettivamente 50, 150 e 222.

Asst Lariana: Il quadro epidemiologico continua a essere instabile

Numeri destinati a crescere nei prossimi giorni per il direttore generale di Asst Lariana Fabio Banfi: "Il quadro epidemiologico riguardante il nostro territorio evidenzia un profilo di costante instabilità, pertanto, se pur con sacrifici e difficoltà – ha spiegato – abbiamo ritenuto di realizzare una accelerazione degli interventi rispetto a quanto previsto nel nostro Piano vaccinale". "Incrementeremo le sedute che già avevamo previsto con un alto ritmo quotidiano fino a quando non avremo concluso", ha concluso. Da oggi prendo il via anche i vaccini per gli operatori sanitari del presidio polispecialistico di via Napoleona a Como e da giovedì 7 gennaio anche per quelli degli ospedali di Cantù e Menaggio.

Si cerca di raggiungere una media di 750 persone

In parallelo continueranno le vaccinazioni all'ospedale Sant'Anna dove si cercherà di raggiungere e superare una media di 750 persone a settimana, come previsto nel documento predisposto nei giorni scorsi. "Amplieremo gli orari e i giorni in modo da contrarre il più possibile i tempi – tiene ancora a sottolineare il direttore generale – oggi perfezioneremo le modalità operative con il gruppo appositamente costituito". Intanto si attendono altre dosi: al territorio comasco entro il 25 gennaio sono destinate 18.720 dosi organizzate, per ogni consegna, in quattro vassoi da 195 fiale l'uno. E proprio per oggi Asst Lariana attende l'arrivo di un nuovo carico, così come il resto della Lombardia.

Presto vaccinati anche i 4.129 ospiti delle Rsa comasche

Parte di questi vaccini andranno alle Rsa comasche, in tutto 56 quelle che fanno affidamento a Asst Lariana e che in questi ultimi mesi sono state bersaglio del virus: 4.129 ospiti in tutto e 3.926 operatori sanitari si preparano quindi al vaccino. E ancora: da oggi saranno sottoposti alla vaccinazione anche i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e i dipendenti e volontari dei servizi di emergenza urgenza. Infine, non può mancare un'ultima precisazione: "Naturalmente nel conteggio delle dosi devono essere considerati i richiami che questo vaccino comporta. Non dimentichiamo infatti che a distanza di almeno 21 giorni dalla prima somministrazione va effettuata una seconda dose e pertanto i conteggi rispetto alle dosi devono essere più che precisi per evitare che tutto il lavoro venga vanificato", conclude il direttore generale. Così, passo dopo passo, anche Como cerca di uscire dall'incubo Covid.