Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele
23 Settembre 2021
10:17

Caso Eitan, inizia l’udienza per l’affidamento. La zia: “Mi manca mio nipote, voglio vederlo a casa”

“Mi manca mio nipote, voglio vederlo a casa”: sono queste le prime parole pronunciate dalla zia paterna di Eitan, il bimbo di sei anni sopravvissuto alla strage del Mottarone, all’ingresso del tribunale di Tel Aviv. Oggi infatti si sta svolgendo la prima udienza relativa all’affidamento del piccolo.
A cura di Ilaria Quattrone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

"Mi manca, voglio riportarlo a casa": sono queste le parole pronunciate da Aja Biran all'ingresso del tribunale di Tel Aviv dove, nella mattinata di oggi giovedì 23 settembre, si sta svolgendo la prima udienza sull'affido di Eitan, il bimbo di sei anni unico sopravvissuto alla strage della funivia del Mottarone. Il bambino è al centro di una contesa famigliare: l'11 settembre il nonno materno, Shmuel Peleg, lo ha prelevato dalla casa degli zii paterni – che si trova in provincia di Pavia – e lo ha portato a Lugano dove ad attenderli c'era un volo diretto in Israele. L'uomo, in Italia, è indagato per sequestro di persona aggravata dalla minore età. Con lui anche la nonna materna e l'autista che li ha portati fino in Svizzera.

La zia: Sono preoccupata per lui

La zia paterna ha affermato di "essere preoccupato per lui" e in particolare per la sua salute mentale. Dopo di lei, sono arrivati anche la nonna materna e la zia materna Gali Peleg che, alcuni giorni fa, ha detto di voler adottare il nipote. Presente anche il nonno paterno. In aula sono potuti entrare solo lui e la zia paterna: tutti gli altri famigliari sono stati fatti uscire l'udienza si svolgerà a porte chiuse. Oltre a chiedere la restituzione immediata, Aya chiederà al giudice di stabilire che Eitan sia stato rapito in conformità alla Convenzione dell'Aja che si riferisce al sequestro di minori. La famiglia materna invece sostiene che quanto fatto da Peleg non sia rapimento perché il centro della vita del piccolo è in Israele.

La Procura: Acquisiremo tutti gli elementi importanti

L'udienza sarà seguita con grande attenzione anche in Italia. Dalla procura di Pavia hanno fatto sapere a Fanpage.it che se dovessero emergere elementi importanti saranno acquisiti nell'indagine italiana. In ogni caso, qualunque decisione dovesse prendere il tribunale israeliano, non influenzerà l'indagine italiana: "Il fatto è avvenuta e noi continueremo in qualsiasi caso".

Caso Eitan, la nonna denuncia in Israele la zia paterna: l'accusa è di furto
Caso Eitan, la nonna denuncia in Israele la zia paterna: l'accusa è di furto
Caso Eitan, quando arriverà il verdetto sul futuro del bimbo
Caso Eitan, quando arriverà il verdetto sul futuro del bimbo
La nonna di Eitan: "Italia responsabile della morte di mia figlia, non possono prendere anche lui"
La nonna di Eitan: "Italia responsabile della morte di mia figlia, non possono prendere anche lui"
Ragazzina uccisa da colpo di fucile: a sparare per errore è stato il fratello di 13 anni
Ragazzina uccisa da colpo di fucile: a sparare per errore è stato il fratello di 13 anni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni