41 CONDIVISIONI
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

Caso Eitan, il nonno fa ricorso al Riesame contro il mandato d’arresto internazionale

I legali del nonno materno di Eitan, Shmuel Peleg, hanno presentato ricorso al Riesame contro il mandato di arresto internazionale emesso oggi dalla Procura di Pavia sul caso del rapimento del minore, unico sopravvissuto alla strage del Mottarone.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Giorgia Venturini
41 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

A poche ore dal mandato di cattura internazionale emesso dalla Procura di Pavia nei confronti del nonno di Eitan Shmuel Peleg, l'avvocato sul fronte penale in Italia Paolo Sevesi ha già depositato il ricorso al Tribunale del Riesame di Milano. Tutto potrebbe decidersi in pochi giorni: i legali però non hanno avuto ancora accesso agli atti e all'ordinanza e per questo il ricorso è stato depositato oggi con riserva di motivazioni. Tutto però, da fonti accertate da Fanpage.it, potrebbe decidersi in pochi giorni. Con il mandato d'arresto la Procura di Pavia ha fatto anche una richiesta di estradizione.

Domani nuova udienza in Israele

Tutto arriva a poche ore dall'udienza in Appello in Israele dove il giudice deciderà per un possibile ritorno in Italia del piccolo Eitan, l'unico sopravvissuto alla strage del Mottarone. In primo grado il giudice di Tel Aviv aveva già deciso per il ritorno a Pavia dove abita la zia paterna Aya Biran Nirkom, unica tutrice legale di Eitan. La decisione era stata presa su quanto stabilito in materia di rapimento di minori dalla Convenzione dell'Aja, accordo firmato anche da Italia e Israele. Qualche giorno dopo la famiglia materna ha depositato il suo ricorso e domani così si ritorna in aula. Non è chiara ora se questo mandato di cattura internazionale potrà influire sulla decisione di domani. Da capire inoltre cosa accadrebbe nel caso il piccolo fosse affidato proprio al nonno o alla famiglia materna.

Il rapimento lo scorso 11 settembre

Per ora le indagini si stanno concentrando su quanto accaduto nel pomeriggio dell'11 settembre quando con la scusa di trascorrere qualche ora con il nipote il nonno lo ha allontanato dalla famiglia paterna, affidataria del piccolo, e lo ha fatto salire a bordo di un aereo privato con direzione Israele. Per organizzare tutto nei minimi dettagli ha avuto la complicità di Gabriel Alon Abutbul: su di lui è stata accertata l'appartenenza alla compagnia militare privata denominata "Blackwater" ed è stato "assunto" dai nonni materni per assisterli ed aiutarli nel loro progetto di trasferimento del piccolo Eitan in Israele. A conferma della scrupolosità adottata dagli indagati – come si legge nella nota della Procura – ci sono i numerosi viaggi in Svizzera effettuati nei giorni precedenti il sequestro e verificati "grazie all’analisi del traffico telefonico, in cui si sente "sia Peleg che Alon definire le fasi finali del progetto criminoso".

41 CONDIVISIONI
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni