Dopo mesi di coma Marco Crevatin, 22 anni, non ce l'ha fatta. È morto dopo un anno di coma il giovane rimasto vittima di un incidente in scooter il 27 settembre del 2019, mentre stava tornando a casa insieme a un amico, all'epoca 19enne, nel comune di Castiglione in provincia di Mantova. I due ragazzi si erano scontrati con un mezzo pesante e Marco aveva riportato ferite gravissime.

L'impatto violento con l'autocarro e la corsa in ospedale

L'impatto, avvenuto alle 13.30, fu talmente violento da far ribaltare l'autocarro. L'amico di Marco riportò solo alcune fratture mentre il 22enne, che era alla guida del motorino, finì accasciato sull'asfalto con delle gravissime lesioni, tanto da finire in coma. All'arrivo dei soccorsi, constatate le sue condizioni, fu trasportato immediatamente all'ospedale di Cremona dove rimase in terapia intensiva per sei mesi. Dopo quel periodo i medici valutarono di trasferirlo in una casa di cura a Sarnico, in provincia di Bergamo.

Il cordoglio del comune e dell'azienda dei genitori di Marco

Marco aveva appena terminato gli studi nel settore alberghiero e aveva trovato da poco un lavoro. Dal giorno dell'incidente non si è più risvegliato e il suo calvario è terminato nel peggiore dei modi: il 22enne si è spento la scorsa settimana. Lunedì 16 novembre si sono svolti i funerali. A piangerlo c'erano i genitori Fabio e Cristina entrambi dipendenti della Golden Lady. Oltre ai vertici dell'azienda, presenti ai funerali, si è unita al dolore della famiglia anche l'amministrazione comunale di Casaloldo, dove viveva Marco con i suoi genitori, guidata dal sindaco Emma Raschi.