342 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Arriva il Carnevale anche nel reparto neonatale del Niguarda di Milano: le foto dei piccoli in maschera

Nel reperto neonatale dell’ospedale Niguarda di Milano i bimbi appena nati sono stati vestiti con tutine colorate e coccolati con pupazzetti fatti a maglia: “Abbiamo voluto regalare un po’ di leggerezza”.
A cura di Giorgia Venturini
342 CONDIVISIONI
Immagine

Anche all'ospedale Niguarda di Milano è arrivato il Carnevale per i piccolissimi. Nel reperto neonatale i bimbi appena nati sono stati vestiti con tutine colorate e coccolati con pupazzetti fatti a maglia. Ed è subito magia in questo reperto dell'ospedale.

A raccontare questi giorni di allegria è lo stesso ospedale sulla sua pagina Facebook: "È Carnevale nella Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Niguarda. Come ogni anno durante il Carnevale ambrosiano la TIN del Niguarda si colora di piccole maschere e teneri costumini".

Immagine

L'ospedale: "Così portiamo spensieratezza"

Poi dall'ospedale spiegano le associazioni coinvolte: "Sono le creazioni delle volontarie dell’Associazione Cuore di Maglia che, in collaborazione con NEO Associazione Amici della Neonatologia dell’Ospedale Niguarda ONLUS , portano un po’ di spensieratezza all’interno del reparto che si occupa dei piccoli pazienti dell’Ospedale".

E poi concludono: "Gesti come questi hanno lo scopo di portare leggerezza e un po’ di ‘normalità' ai genitori che trascorrono le giornate accanto ai loro bimbi ricoverati e che vivono il periodo difficile ed emotivamente provante della degenza in una realtà delicata come la Terapia Intensiva Neonatale".

Immagine

Supereroi all'ospedale Buzzi di Milano

Un momento di spensieratezza l'hanno vissuto anche i bambini dell'ospedale Buzzi di Milano lo scorso Natale quando ai piccoli del reparto di pediatria i volontari dell'associazione Supereroi acrobatici hanno voluto portare ai bambini un sorriso. L'associazione, attiva da alcuni anni senza scopo di lucro in tutta Italia, si impegna a dare gioia ai piccoli ricoverati e conta numerosi volontari per lo più giovani.

Tra le volontarie c'era Eleonora, che da un paio di anni è una supereroina acrobatica e a Fanpage.it ha detto: "Lo faccio per portare un sorriso ai bambini, è una grandissima emozione ogni volta". E Giorgia, alla sua prima "calata": "Devo ammettere che un po' di paura c'è, ma la gioia di rallegrare questo pomeriggio ai piccoli è decisamente superiore".

342 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views