95 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

La lettera di fine anno di Bill Gates: “Questo ci aspetta nel prossimo futuro”

La parola d’ordine per il 2023 è intelligenza artificiale, secondo il fondatore di Microsoft rivoluzionerà settori chiave come l’assistenza sanitaria o l’istruzione.
A cura di Elisabetta Rosso
95 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Come tradizione vuole Bill Gates ha scritto la sua lettera di fine anno. "Quando ripenserai al 2023, come lo ricorderai?" si chiede subito. La domanda è retorica, e nonostante il fondatore di Microsoft da tempo vesta i panni del profeta contemporaneo, la risposta è quasi scontata. Il 2023 è l'anno dell'intelligenza artificiale (IA). "Per la prima volta l'ho usata per lavoro e non solo per scherzare e creare testi di canzoni per i miei amici", scrive. "Il lavoro che verrà svolto nel corso del prossimo anno sta preparando il terreno per un enorme boom tecnologico alla fine di questo decennio".

Gates rimane ottimista "nonostante i tempi difficili". L'intelligenza artificiale, infatti, scrive nella lettera, potrebbe democratizzare l'accesso a strumenti e conoscenoscenze avanzate "livellando il campo da gioco per le persone dei Paesi meno ricchi". Secondo il fondatore di Microsoft, l'IA è destinata a rivoluzionare settori chiave come l'assistenza sanitaria o l'istruzione. "Sono sempre stato un convinto sostenitore del potere dell'innovazione e della sua capacità di offrire a ogni bambino le stesse possibilità di sopravvivere e prosperare. L’IA non fa eccezione."

I tempi dell'intelligenza artificiale

Secondo Bill Gates serviranno ancora 18-24 mesi per l'adozione diffusa dell’intelligenza artificiale negli Stati Uniti, tre anni invece per l'Africa. Ma la stessa IA dovrbbe riuscire a ridurre il divario tra i Paesi rispetto alle precedenti divisioni digitali. "Credo che questa tecnologia aiuterà a ridurre le terribili iniquità che vediamo in tutto il mondo", spiega Gates.

L'impatto a livello sanitario

Nella lettera scrive anche che l'intelligenza artificiale potrebbe affrontare la resistenza agli antibiotici fornendo suggerimenti agli operatori sanitari per “il miglior farmaco, dosaggio e durata”. Non solo. La Fondazione Gates sta lavorando su come usare l'IA per curare l'azaimer e trattare le gravidanze ad alto rischio.

L'intelligenza artificiale potrebbe anche essere una risorsa preziosa per creare nuovi farmaci. "La scoperta di farmaci richiede la setacciatura di enormi quantità di dati e gli strumenti di intelligenza artificiale possono accelerare in modo significativo questo processo", scrive Gates. "Alcune aziende stanno già lavorando su farmaci antitumorali sviluppati in questo modo. Ma una priorità chiave della Fondazione Gates nell’IA è garantire che questi strumenti affrontino anche problemi di salute che colpiscono in modo sproporzionato i più poveri del mondo, come l’AIDS, la tubercolosi e la malaria."

Insegnare con l'IA

Gates guarda anche al mondo dell'istruzione, l’intelligenza artificiale può personalizzare le esperienze di apprendimento, e questo approccio potrebbe rivoluzionare il panorama educativo. "Gli strumenti IA per l'insegnamento oggi sono strabilianti perché sono adattati a ogni singolo studente. Alcuni di loro, come Khanmigo e MATHia, sono già notevoli, e miglioreranno solo negli anni a venire. "

Gli auguri di Bill Gates

La lettera tocca anche altri temi, tra questi, lotta alla malnutrizione, i cambiamenti climatici, e le elezioni in programma per il 2024. Gates chiude augurando a tutti di un po' di riposo in attesa del 2024. "Quando avevo l’età dei miei figli, non credevo nelle vacanze o nei fine settimana. Ma quando sono cresciuto, e soprattutto da quando sono diventato padre, mi sono reso conto che c’è di più nella vita che nel lavoro. Spero che tu sia in grado di prenderti un po' di tempo in questa stagione festiva per divertirti e rilassarti prima di immergerci nel 2024. Auguro a voi e ai vostri cari un nuovo anno meraviglioso".

95 CONDIVISIONI
371 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views