video suggerito
video suggerito
Apple

La Francia blocca le vendite degli iPhone 12: “I livelli di radiazioni sono troppo alti”

Ieri, martedì 12 settembre, Apple ha presentato i suoi nuovi iPhone 15. Mentre l’azienda di Cupertino festeggiava l’evento più importante dell’anno è arrivato il blocco da Oltreoceano.
A cura di Elisabetta Rosso
29 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

In Francia non sarà più possibile acquistare un iPhone 12. L'ANFR, l'organismo francese di vigilanza sulle radiazioni ha vietato la vendita del modello a causa dei livelli di radiazioni oltre la soglia. I test svolti infatti hanno rilevato un tasso di assorbimento specifico (SAR) dello smartphone superiore a quanto consentito per legge. Il tempismo non è dei migliori. Ieri, martedì 12 settembre, Apple ha presentato i suoi nuovi iPhone 15, e mentre l'azienda di Cupertino festeggiava l'evento più importante dell'anno è arrivato il blocco da Oltreoceano. 

In un'intervista pubblicata su Le Parisien, il Ministro francese per l'economia digitale, Jean-Noël Barrot ha dato a Apple due settimane: "Se non faranno l'aggiornamento entro i tempi stabiliti sono pronto a ordinare il ritiro di tutti gli iPhone 12 in circolazione. La regola è la stessa per tutti, compresi i giganti digitali".

L'Unione Europea ha fissato limiti di sicurezza per i valori SAR, il tasso di assorbimento specifico usato per misurare la percentuale di energia elettromagnetica assorbita dal corpo umano quando questo viene esposto all'azione di un campo elettromagnetico a radiofrequenza. Secondo gli studi scientifici oltre una determinata soglia aumenta il rischio di sviluppare alcune forme di cancro.

I rischi dell'iPhone 12

Nonostante l'iPhone 12 superi i valori fissati dall'Ue, l'esposizione ai campi elettromagnetici è minima. Come ha spiegato Barrot, "la norma europea è dieci volte inferiore al livello di emissioni che, secondo studi scientifici, possono avere conseguenze per gli utenti". Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): "non esistono attualmente prove che l'esposizione a campi elettromagnetici a bassa intensità sia pericolosa per la salute umana." Il ministro ha spiegato che il provvedimento adottato dall'ANFR è “una procedura classica che ha già interessato molti dispositivi”. Per Apple, però, è la prima volta. Nella maggior parte dei casi, dopo avviso formale i produttori aggiornano i propri dispositivi per evitare il ritiro dalla commercializzazione.

La risposta di Apple

Apple ha risposto spiegando che il suo modello iPhone 12 è stato certificato da diversi organismi internazionali e riconosciuto conforme a tutti i regolamenti e gli standard sulle radiazioni applicabili. Ha anche aggiunto di aver fornito all'ANFR i dati necessari per verificare l'idoneità modello.

29 CONDIVISIONI
81 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views