20 CONDIVISIONI
Conflitto Israelo-Palestinese

Il gruppo hacker Killnet attacca Israele: quali sono gli obiettivi

Il gruppo di hacker filorussi Killnet è noto soprattutto per i suoi attacchi DDoS, il loro scopo è bloccare i siti e impedire agli utenti di accedere. Fino a questo momento non hanno creato danni strutturali ma in una situazione di emergenza come questa può diventare rischioso togliere ai civili la possibilità di accedere a informazioni sulla pubblica amministrazione.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valerio Berra
20 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto Israelo-Palestinese

Killnet ha deciso di muoversi. Gli hacker pro Russia responsabili di diversi attacchi ai siti italiani si sono schierati contro Israele, lanciando un attacco su vasta scala. Le prime dichiarazioni sono state diffuse quando in Italia erano le 14:21 di domenica 8 ottobre, dopo oltre 24 ore dall’inizio della più grande strage di civili organizzata da Hamas ai danni di Israele. In un doppio messaggio, in ebraico e in russo, gli hacker di Killnet hanno accusato Israele di essere responsabile della strage.

Governo di Israele, sei responsabile di questo spargimento di sangue. Nel 2022 hai sostenuto il regime terroristico dell’Ucraina. Hai tradito la Russia. Oggi Killnet lo annuncia ufficialmente! Tutti i sistemi governativi israeliani saranno soggetti ai nostri attacchi!

Chi sono gli hacker di Killnet

In Italia i primi titoli di giornale sul gruppo hacker Killnet sono arrivata nel maggio del 2022, quando hanno rivendicato una serie di azioni di disturbo su diversi obiettivi, dal sito del Senato e a quello del Ministero della Difesa. L’orientamento politico è chiaro. Killnet ha sempre dichiarato di sostenere l’azione di governo di Vladimir Putin e quindi nell’ultimo anno si è sempre mossa contro le infrastrutture tecnologiche dell’Ucraina e dei Paesi alleati.

Gli hacker di Killnet, almeno in Italia, non hanno mai portato a termine azioni significative. La loro specialità sono gli attacchi definiti Distributed Denial-of-Service (DDoS), una tipologia di attacco il cui il numero di utenti che si collegano a un portale vengono moltiplicati in modo artificiale, così da far collassare i server e impedire ai veri utenti di accedere. A livello tecnico non si tratta di niente di drammatico: non si rubano dati e non si compromette un sistema. È però un azione di disturbo, un vandalismo digitale.

Gli obiettivi degli attacchi contro Israele

Gli attacchi di Killnet si stanno rivolgendo ai portali del governo israeliano. Negli screenshot pubblicati come un trofeo sul gruppo Telegram vediamo attacchi al sito della pubblica amministrazione del governo israeliano e quello dello Shin Bet, l’agenzia di intelligence israeliana dedicata agli affari interni. Anche in questo caso non si tratta di attacchi in grado di danneggiare l’infrastruttura del sito. Il rischio però è bloccare portali dedicati ai cittadini in un momento in cui ogni informazione sui servizi pubblici può diventare essenziale, soprattutto per chi vive nelle zone sotto attacco.

KILLNET | La rivendicazione per l'attacco al sito del governo israeliano
KILLNET | La rivendicazione per l'attacco al sito del governo israeliano

Ma non solo. In queste ore anche il sito di informazione The Jerusalem Post, uno dei principali media ebraici, ha spiegato di essere sotto attacco hacker: “Il Jerusalem Post sta attualmente affrontando un periodo di inattività a causa di una serie di attacchi informatici avviati contro di noi da ieri mattina”. Per questo attacco specifico al momento non sono comparse rivendicazioni sul canale ufficiale di Killnet.

20 CONDIVISIONI
631 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views