2.591 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Cosa c’è dietro l’ultima profezia Elon Musk: “In futuro non ci sarà nessun lavoro”

Secondo l’uomo più ricco nel mondo, in futuro l’intelligenza artificiale riuscirà a sostituire tutti i lavori. Agli esseri umani non rimarrà molto da fare: potranno usufruire di beni e servizi di qualsiasi tipo prodotti da robot e algoritmi. Il lavoro? Giusto un hobby per chi ha voglia di continuare a farlo.
A cura di Valerio Berra
2.591 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Elon Musk ha tracciato un futuro abbastanza chiaro per la nostra specie. In collegamento con VivaTech 2024, la fiera dedicata alla tecnologia a Parigi, il capo di SpaceX, Tesla e X ha spiegato che l’intelligenza artificiale non solo entrerà in qualsiasi lavoro ma sarà in grado anche di sostituire la presenza umana in qualsiasi fabbrica o ufficio. Le parole sono difficilmente fraintendibili: “Probabilmente nessuno di noi avrà un lavoro. Se vuoi fare un lavoro puoi tenertelo come hobby. L’intelligenza artificiale e i robot forniranno tutti i ben e i servizi che desideri”.

Il paradosso del lavoro

La visione di Elon Musk ha ovviamente un problema. Senza un lavoro, come è possibile ottenere denaro per acquistare beni o servizi?. Dato il futuro verso cui stiamo andando, Musk suggerisce un “universal high income”, un reddito universale elevato che venga erogato direttamente dai governi per tutti i cittadini.

I posti di lavoro a rischio con l’intelligenza artificiale

La teoria di Musk è ispirata a una serie di visioni tecnottimiste. In un futuro in cui anche le professioni più qualificate verranno sostituite da algoritmi rimarrà lavoro solo per chi quegli algoritmi dovrà svilupparli o al massimo aggiornarli. Micidiale in questo senso la prospettiva scritta da Dave Eggers nel libro The Every: nemmeno i medici sono umani, le diagnosi vengono fatte da un pc Questo però prevede due cose. La prima è che tutta la specie umana arrivi allo stesso grado di digitalizzazione, cosa non esattamente credibile.

La seconda è che esista un’organizzazione sovranazionale che sia in grado di garantire a tutti un reddito per accedere a quella infinita quantità di beni prodotti dall’intelligenza artificiale. Anche in questo non stiamo parlando di uno scenario disponibile entro i prossimi dieci anni. Il problema è tutto quello che succede mentre queste due condizioni si realizzano.

In questa fase infatti sembra che l’intelligenza artificiale stia entrando nel mondo del lavoro per ottimizzare i processi di produzione. Una formula che a volte vuol dire anche il taglio di migliaia di posti di lavoro. Secondo uno studio uscito in questi giorni e firmato da FPA, solo in Italia l’arrivo dell’intelligenza artificiale potrebbe sostituire oltre 200.000 dipendenti pubblici.

2.591 CONDIVISIONI
425 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views