14 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Google

La pagina più cercata su Wikipedia nel 2022 è quella di Cleopatra, e il motivo è ai limiti dell’assurdo

Dietro all’anomalia c’è Google Assistant, e il caso innocuo mostra benissimo il potere delle aziende high tech di plasmare e indirizzare l’attenzione pubblica.
A cura di Elisabetta Rosso
14 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Taha Yasseri, sociologo e professore all’ University College Dublin, ogni anno, verso dicembre, raccoglie le statistiche di Wikipedia per “capire quali eventi hanno catturato maggiormente l’attenzione del pubblico”.

Nel 2020 la pandemia, le elezioni presidenziali statunitensi, e la morte di Kobe Bryant, il 2021 invece ha sistemato sul podio Squid Game, il campionato europeo di calcio maschile e la morte del principe Filippo. Tutto prevedibile, ma quando Yasseri apre le classifiche del 2022 deve leggere due volte la voce in testa all’elenco, in prima posizione con 55 milioni di visualizzazioni c’è infatti Cleopatra.

La classifica del 2022 delle pagine più viste su Wikipedia

Subito dopo la classifica segue in modo prevedibile. Al secondo posto c’è l’invasione russa dell’Ucraina, e la vita di Jaffrey Dahmer, il serial killer statunitense morto nel 1994, che ha avuto più di 54 milioni di visualizzazioni grazie al successo della serie Netflix Monster: The Jeffrey Dahmer Story. Poi la morte della regine Elisabetta, la Coppa del Mondo di calcio maschile, Elon Musk e Johnny Depp. Non mancano quelli che Yasseri chiama “i preferiti perenni”, ovvero la Bibbia e YouTube. Tutto normale tranne Cleopatra al primo posto.

La fama della regina egiziana è indiscussa, in questo momento a Hollywood stanno anche girando un remake del kolossal del 1963 e la società di scommesse Caesars Sportsbook l'ha ritratta in uno spot mandato in onda durante il Super Bowl. Ma non è sufficiente a spiegare le 55 milioni di visualizzazioni.

Non solo, come sottolinea Yesseri su The Conversation, le ricerche “non mostrano il tipico modello di rapido decadimento dell'attenzione pubblica. I miei colleghi e io abbiamo scoperto nel nostro lavoro passato che l'attenzione online di solito ha una breve emovita di cinque-otto giorni, simile a quella che vediamo nel caso della pagina Dahmer".

Come Google ha influenzato le ricerche

Yesseri non riesce a trovare una spiegazione e così si rivolge al web per cercare nuove risposte. Il primo suggerimento arriva da Twitter, “un utente mi ha spiegato che l'app Google Assistant potrebbe essere il responsabile di questa anomalia”.

L’app che utilizza il riconoscimento vocale per consentire agli utenti di interagire con i propri telefoni attraverso la conversazione, è stata lanciata nel 2016. Ora è integrata in almeno un miliardo di dispositivi e ha più di 500 milioni di utenti mensili . Una volta installata, Google Assistent, suggerisce alcuni esempi di richieste per cominciare a usare l’app.

Tra questi: "Apri YouTube", "Cerca sul Web quante once ci sono in una tazza?", oppure: "Mostra Cristiano Ronaldo su Instagram". Tra i suggerimenti forniti dall’app c’è anche "Prova a dire: mostra Cleopatra su Wikipedia". Ed è così che 55 milioni di persone hanno colto il suggerimento.

Perché le Big Tech possono plasmare il pubblico

Prima che l'Assistente Google si diffondesse nel 2020 , le visualizzazioni annuali su Cleopatra erano circa 2,5 milioni. Due anni dopo sono cresciute 22 volte tanto. “L'esempio di Cleopatra evidenzia l'impatto che decisioni apparentemente piccole dei designer possono avere nel dirigere l'attenzione collettiva su determinati argomenti e problemi, a volte con conseguenze più gravi”.

Google infatti è già stato accusato nel 2019 per aver classificato i risultati di ricerca dando priorità ai propri prodotti. Il gigante di Internet ha utilizzato per anni liste nere, modifiche agli algoritmi e un esercito di appaltatori per modellare ciò che vedono gli utenti. Un meccanismo che è andato oltre i prodotti influenzando anche l’attenzione verso determinate cause politiche. Per farlo basta indirizzare un traffico significativo verso determinati articoli o promuovere petizioni sulla prima pagina di un sito web,

In questo caso al massimo si è scoperto qualcosa in più sull’iconica regina egiziana, ma, come spiega Yesseri, “il potere significativo che le aziende high-tech e dei media hanno nel plasmare e influenzare l'attenzione pubblica non dovrebbe essere trascurato”, e l’innocuo caso di Cleopatra ne è l’esempio.

Wikipedia ha cambiato il suo design

Wikipedia aggiornerà l’interfaccia del desktop. Oggi sarà possibile usare la nuova interfaccia già attivo sul 94% delle 318 versioni linguistiche attive di Wikipedia. Tra le novità ci sono intestazioni adesive aggiornate, strumenti di cambio lingua più visibili e un sommario per dare contesto all'articolo e la possibilità di navigare attraverso l'esperienza di lettura.

La nuova interfaccia desktop è stata quindi progettata per soddisfare le esigenze della nuova generazione di utenti di Internet. “L'interfaccia desktop aggiornata è una realizzazione del nostro impegno per l'equità della conoscenza e fa parte del lavoro in corso per responsabilizzare meglio gli utenti e migliorare l'esperienza di lettura e di contributo della conoscenza attraverso l'ecosistema Wikimedia”, ha spiegato Selena Deckelmann, Chief Product and Technology Officer presso la Wikimedia Foundation.

14 CONDIVISIONI
30 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views