289 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Arriva in Italia la maestra creata con l’intelligenza artificiale: questo può diventare un problema

Tra le grandi paure c’è anche quella che i software compromettano lo spirito critico degli studenti sfornando risposte pronte, ma incomplete. La complessità non può essere decifrata da macchine che ingurgitano dati e propongono sintesi asettiche. È evidente che i chatbot non possono sostituire l’esperienza scolastica e gli insegnanti.
A cura di Elisabetta Rosso
289 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un chatbot per tutto. Anche per insegnare. In Italia è stata lanciata Maestra Genia "un sistema di intelligenza artificiale con strumenti e modelli di IA addestrati e preparati per migliorare le tue performance nello studio", si legge sul sito web del chatbot. L'avatar è una giovane donna con capelli ricci e occhiali, che promette di aiutare "studenti di tutti i tipi, a qualsiasi livello e su ogni materia di studio", l'obiettivo è "cambiare il tuo modo di studiare". In altre parole Genia è un tutor virtuale in grado di personalizzare l'apprendimento.

La scuola ha avuto sin da subito un rapporto di amore e odio con l'intelligenza artificiale. Gli insegnanti hanno denunciato sui social studenti che usavano i chatbot per copiare, scrivere temi, tesi di laurea, o saggi, e le scuole di New York hanno bandito ChatGPT. Eppure si sta già pensando a modelli alternativi da integrare per far evolvere la didattica. Genia sembra entrare in questo filone.

Come funziona Genia

Il chatbot è stato realizzato dall'azienda Cogit AI di Reggio Emilia. L'obiettivo di Maestra Genia è supportare gli studenti con un approccio personalizzato, "all'interno della suite a sono disponibili modelli di intelligenza artficiale addestrati sulle singole materie scolastiche. Dalla Matematica alla Fisica, dall'Architettura alla Medicina, ogni materia di studio è supportata dall'IA".

C'è anche l'opzione tutoraggio "questo strumento permette di preparare esami, relazioni, tesi, discorsi, presentazioni e tanto altro ancora partendo dall'unico imput dell'argomento". È possibile anche caricare il materiale di studio in PDF e chiedere all'IA riassunti, spiegazioni, o punti salienti.

Una risorsa per il tutoraggio mirato

Secondo il team di Accredible, la piattaforma di credenziali digitali che lavora con Google, Harvard , MIT e McGraw Hil, l'intelligenza artificiale potrebbe diventare un assistente personalizzato utile per segnalare i punti deboli dello studente e proporre esercizi o test per potenziare le lacune. Il tutoraggio mirato in realtà esiste da tempo, ma è costoso e accessibile a pochi. I chatbot IA potrebbero quindi garantire un'istruzione più equa, e diventare una risorsa per aumentare l’accesso a un’istruzione di qualità.

Non solo, i sistemi IA integrati nella didattica potrebbero preparare meglio gli studenti a lavorare insieme ai software che faranno parte del loro futuro una volta usciti dalle aule scolastiche.

I rischi dell'intelligenza artificiale nelle classi

Al di là dei vantaggi, al momento i chatbot sono ancora pieni di errori, buchi, ripetizioni e spesso, quando non sanno, inventano. Il loro stile di scrittura è stato paragonato a quello di uno studente delle elementari particolarmente brillante. Non solo, c'è anche il rischio che gli studenti e le studentesse facciano un uso scorretto della tecnologia, usandola per esempio per copiare.

Tra le grandi paure c'è anche quella che i software compromettano lo spirito critico degli studenti sfornando risposte pronte ma incomplete. La complessità non può essere decifrata da macchine che ingurgitano dati e propongono sintesi asettiche. È evidente che i chatbot non possono sostituire l'esperienza scolastica e gli insegnanti. Se programmati bene, però, potrebbero diventare una stampella per supportate la didattica.

289 CONDIVISIONI
430 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views