583 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Uomo colpito da emorragia nel cervello dopo l’estrazione di un dente: ha una rara malattia genetica

Un uomo è stato ricoverato con severi sintomi neurologici causati da un’emorragia intracerebrale emersa dopo l’estrazione di un dente. Si è scoperto che il paziente era affetto da una rara condizione genetica chiamata CADASIL, che avrebbe innescato il sanguinamento cerebrale dopo l’intervento dentistico, sebbene non vi sia certezza della correlazione.
A cura di Andrea Centini
583 CONDIVISIONI
La scansione di un'emorragia intracerebrale. Credit: Glitzy queen00 / wikipedia
La scansione di un'emorragia intracerebrale. Credit: Glitzy queen00 / wikipedia

Un uomo australiano di circa 60 anni è stato ricoverato d'urgenza in ospedale con un'emorragia nel cervello (intracerebrale) dopo essersi sottoposto a un comune intervento odontoiatrico, l'estrazione di un dente. Il paziente è stato trasferito al pronto soccorso con nausea, vertigini, deambulazione difficoltosa (con inclinazione sul lato destro) e occhi rivolti a sinistra, una condizione neurologica severa scatenata dal sanguinamento nel tessuto cerebrale. Grazie agli approfonditi esami diagnostici cui è stato sottoposto l'uomo, i medici hanno potuto determinare che era affetto da CADASIL, acronimo di Cerebral Autosomal Dominant Arteriopathy with Subcortical Infarcts and Leukoencephalopathy, ovvero Arteriopatia cerebrale autosomica dominante con infarti sottocorticali e leucoencefalopatia.

La CADASIL, come specificato dal portale specializzato Orpha.net, è una rara malattia cerebrovascolare ereditaria “caratterizzata dalla comparsa, nell'età adulta intermedia, di ictus ischemici sottocorticali ricorrenti e disfunzione cognitiva, che esita, in un terzo dei pazienti, in demenza, emicranie con aura e disturbi dell'umore”. In parole semplici, determina deperimento dei vasi sanguigni. Secondo i medici hanno curato il paziente, l'intervento nello studio dentistico avrebbe determinato un forte aumento della pressione sanguigna che, a causa della condizione genetica sottostante, sarebbe sfociato nell'emorragia intracerebrale e relativa sintomatologia acuta. Non c'è alcuna certezza che la visita dal dentista possa aver innescato la catena di eventi che ha portato al sanguinamento e al ricovero dell'uomo, ma gli autori dello studio ritengono possibile il collegamento, proprio alla luce della successiva diagnosi di CADASIL.

A descrivere il case report è stato un team australiano guidato da neurochirurghi e neurologi del Royal Perth Hospital di Perth (Australia Occidentale), che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Servizio di intervento neurologico e imaging dell'Australia occidentale presso il Sir Charles Gairdner Hospital e del Perron Institute for Neurological and Translational Science di Nedlands. I medici, coordinati dal professor Siavash Mortazavi, dopo aver accolto il paziente al pronto soccorso lo hanno immediatamente sottoposto a una TAC, per escludere un probabile ictus. Come evidenziato da Sciencealert, le immagini hanno mostrato una piccola emorragia intracerebrale che determinava una compressione nella parte in basso a sinistra del cervello, responsabile dei significativi sintomi neurologici. Dopo una successiva risonanza magnetica e indagini genetiche è stato confermato che il paziente soffriva di CADASIL, una condizione che colpisce una persona ogni 25.000 / 50.000. Gli esami genetici hanno rilevato mutazioni sul gene NOTCH3, che codifica per il recettore transmembrana NOTCH3 e che è presente in oltre il 95 percento dei casi della malattia.

Come spiegato da Orpha.net, il primo segno di questa condizione “si manifesta mediamente verso i 45-50 anni, di solito come ictus ischemico o declino cognitivo”. “L'esordio e il decorso sono variabili, anche se oltre due terzi dei pazienti presenta ictus ricorrenti o demenza. L'emicrania, di solito con aura, è presente in circa un terzo dei casi e spesso precede i sintomi associati all'ictus e alla demenza, con un'età media all'esordio di 30 anni”, aggiunge il portale, sottolineando che sono comuni i disturbi psichiatrici – come la depressione – e che la causa di morte più comune è la polmonite. Il paziente australiano era sospettato di soffrire di Parkinson ed era stato sottoposto a un'altra TAC settimane prima dell'intervento dentistico, nella quale erano stati osservati segni di deperimento dei vasi sanguigni. Il paziente è stato sottoposto a una terapia con aspirina (per fluidificare il sangue) e un farmaco per ridurre la pressione, che gli hanno permesso di superare l'emorragia intracerebrale. Orpha.net spiega che non esistono terapie risolutive per la CADASIL. I dettagli del case report “Dental procedure induced cerebellar haemorrhage with visual tilt and unsuspected CADASIL” sono stati pubblicati sul British Medical Journal.

583 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views