102 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Un amminoacido può essere il segreto di una vita più lunga

Lo suggeriscono i risultati di una nuova ricerca appena pubblicata su Science da cui è emerso che la taurina è associata ad effetti benefici sulla salute generale e sulla longevità di diverse specie animali, inclusi gli umani.
A cura di Valeria Aiello
102 CONDIVISIONI
Immagine

L’amminoacido taurina, che deve il suo nome alla bile di toro da cui è stato isolato la prima volta, potrebbe essere l’elisir di una vita più lunga e più sana. Lo suggeriscono i risultati di una nuova ricerca appena pubblicata su Science, da cui emergono i benefici sulla salute generale e sulla longevità che possono derivare dal consumo di questa sostanza. L’analisi, coordinata dagli scienziati della Columbia University di New York ha innanzitutto esaminato se la carenza di taurina sia un motore nel processo di invecchiamento, per poi valutare gli effetti della sua integrazione in diverse specie animali.

In un primo esperimento condotto in modelli murini, gli studiosi hanno scoperto che la taurina ha il potenziale per aumentare la durata della vita media del 12% nei topi femmina e del 10% nei maschi. Ciò significa dai tre a quattro mesi di vita in più, equivalenti a circa sette o otto anni umani. Per scoprire poi in che modo la taurina abbia impatto sulla salute, gli studiosi hanno valutato gli effetti dell’integrazione su vari parametri di salute, documentandone i vantaggi in specie diverse. “Non solo abbiamo scoperto che gli animali vivevano più a lungo, ma abbiamo anche scoperto che avevano una vita più sana” ha affermato l’autore corrispondente dello studio, il dottor Vijay Yadav, assistente professore di genetica e sviluppo presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University.

I livelli ematici nel sangue diminuiscono con l'invecchiamento (in alto a sinistra). Un'inversione di questo calo attraverso l'integrazione di taurina ha aumentato la durata della vita sana nei topi e nei vermi ma non nel lievito (in basso a sinistra e in alto al centro). L'integrazione di taurina ha influenzato diversi segni distintivi dell'invecchiamento (al centro). Negli esseri umani, concentrazioni di taurina inferiori sono state associate a più malattie (in alto a destra). È giustificato uno studio randomizzato sull'uomo per valutare gli effetti anti-età della taurina (in basso a destra) / Credit: P. Singh et al. Science 2023
I livelli ematici nel sangue diminuiscono con l'invecchiamento (in alto a sinistra). Un'inversione di questo calo attraverso l'integrazione di taurina ha aumentato la durata della vita sana nei topi e nei vermi ma non nel lievito (in basso a sinistra e in alto al centro). L'integrazione di taurina ha influenzato diversi segni distintivi dell'invecchiamento (al centro). Negli esseri umani, concentrazioni di taurina inferiori sono state associate a più malattie (in alto a destra). È giustificato uno studio randomizzato sull'uomo per valutare gli effetti anti-età della taurina (in basso a destra) / Credit: P. Singh et al. Science 2023

Negli esperimenti sui topi, gli esperti hanno osservato che, all’età di 2 anni (60 anni umani), gli animali che avevano ricevuto un’integrazione di taurina erano più sani rispetto a quelli non trattati. Nello specifico, la taurina è risultata associata alla soppressione dell’aumento di peso legata all’età nei topi femmina, all’aumento del dispendio energetico, all’aumento della massa ossea e al miglioramento della resistenza e della forza muscolare. Ma anche a una riduzione dei comportamenti depressivi e ansiosi, al rafforzamento del sistema immunitario e a una minore insulino-resistenza.

A livello cellulare, gli studiosi hanno osservato che l’integrazione di taurina ha determinato un miglioramento in molte funzioni che di solito diminuiscono con l’età, riducendo ad esempio il numero delle cosiddette cellule “zombie”, vecchie cellule che dovrebbero morire ma invece indugiano e rilasciano sostanze nocive.

L’integrazione ha anche aumentato il numero di cellule staminali presenti in alcuni tessuti (che possono aiutare i tessuti a guarire dopo una lesione), migliorato le prestazioni dei mitocondri, ridotto il danno al DNA e migliorato la capacità delle cellule di percepire i nutrienti. Effetti simili sono stati registrati anche nelle scimmie rhesus di mezza età, a cui sono stati somministrati integratori giornalieri di taurina per sei mesi. La taurina ha evitato l’aumento di peso, ha ridotto la glicemia a digiuno e i marcatori di danni al fegato, ha aumentato la densità ossea e migliorato la salute del sistema immunitario.

Per poter però affermare che la taurina può migliorare la salute e aumentare la longevità negli esseri umani, serviranno ulteriori studi. Ma due ulteriori esperimenti, in cui gli hanno esaminato la relazione tra i livelli di taurina e circa 50 parametri di salute in 12.000 adulti europei di età pari o superiore a 60 anni, sembrano suggerirne il potenziale. Nel complesso, le persone con livelli di taurina più elevati erano più sane, con meno casi di diabete di tipo 2, livelli di obesità inferiori, ipertensione ridotta e livelli inferiori di infiammazione. Il secondo studio ha inoltre riscontrato i livelli di taurina aumentano significativamente in risposta all’esercizio fisico, il che ha lasciato intendere che alcuni benefici per la salute dovuti all’attività fisica potrebbero derivare da un aumento della taurina.

Al momento – ha precisato il dottor Yadav – queste sono associazioni e non stabiliscono un nesso di causalità, ma sono coerenti con la possibilità che la carenza di taurina contribuisca all’invecchiamento umano. Solo uno studio clinico randomizzato determinerà se la taurina ha davvero benefici per la salute umana”.

102 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views