169 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Scienziati inorriditi dall’immagine creata dall’IA: un topo con i genitali enormi finisce in un articolo revisionato

L’assurda immagine, realizzata utilizzando Midjourney, è stata pubblicata da un’importante rivista scientifica peer reviewed: contiene testo senza senso e, cosa più sorprendente, l’illustrazione di un roditore con i genitali grottescamente grandi.
A cura di Valeria Aiello
169 CONDIVISIONI
L'immagine del topo con i genitali enormi finita in un articolo scientifico sottoposto a revisione paritaria / Credit: Frontiers in Cell and Developmental Biology 2024.
L'immagine del topo con i genitali enormi finita in un articolo scientifico sottoposto a revisione paritaria / Credit: Frontiers in Cell and Developmental Biology 2024.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un’importante rivista scientifica ha pubblicato questa settimana un articolo di ricerca con illustrazioni create con Midjourney, uno dei più popolari software di immagini generate dall’intelligenza artificiale (IA). Un’immagine, in particolare, ha sollevato aspre critiche da parte della comunità scientifica, perché raffigurava un topo con genitali grottescamente grandi e bizzarri.

L’articolo in questione, intitolato “Cellular functions of spermatogonial stem cells in relation to JAK/STAT signaling pathway”, è stato pubblicato online martedì su Frontiers in Cell and Developmental Biology, una nota rivista scientifica i cui documenti sono soggetti a revisione paritaria (peer review), la valutazione critica che i lavori ricevono da uno o più esperti prima della pubblicazione. Eppure, le illustrazioni dell’articolo finito al centro delle polemiche contenevano etichette di testo senza senso, come “dissilced”, “testtomcels”, “senctolic”, “dck” e, cosa più sorprendente, l’assurda immagine di un “ratto” seduto in posizione eretta come uno scoiattolo, con un pene enorme e quattro testicoli giganti.

L'assurda immagine, creata dall'intelligenza artificiale, che è stata pubblicata in un articolo di ricerca sottoposto a revisione paritaria / Credit: Guo X. et al. Frontiers in Cell and Developmental Biology 2024.
L'assurda immagine, creata dall'intelligenza artificiale, che è stata pubblicata in un articolo di ricerca sottoposto a revisione paritaria / Credit: Guo X. et al. Frontiers in Cell and Developmental Biology 2024.

In uno dei riquadri, l’attenzione era focalizzata su imprecisate “sterrn cells” in una piastra Petri, talmente grandi da poter essere raccolte con un cucchiaio.

Il documento, scritto da tre ricercatori cinesi, incluso l’autore corrispondente Dingjun Hao dell’ospedale Honghui di Xi’an, in Cina – che nel testo riconoscevano che le illustrazioni erano state create con Midjourney – è stato ritirato dall’editore della rivista, che si è scusato, pubblicando una nota in cui sottolinea di essere a conoscenza delle preoccupazioni riguardanti l’articolo.

È attualmente in corso un'indagine e questo avviso verrà aggiornato di conseguenza una volta conclusa l’indagine” ha scritto l’editore. “Dopo la pubblicazione – viene precisato nel comunicato di ritiro –  sono state sollevate preoccupazioni riguardo alla natura dei dati generati dall'intelligenza artificiale. L'articolo non soddisfa gli standard di rigore editoriale e scientifico di Frontiers in Cell and Development Biology; pertanto l'articolo è stato ritirato”.

La prima immagine dell’articolo, quella contenente il ratto, ha attirato immediatamente l’attenzione della comunità scientifica e diversi scienziati hanno iniziato a condividerla ampiamente e commentarla su diversi social, incluso X. Alcuni ricercatori si sono detti “inorriditi per il fatto che un’immagine così palesemente sbagliata, generata dall’intelligenza artificiale, sia potuta passare attraverso il sistema di revisione e qualunque altro tipo di verifica da parte della rivista.

Sempre online, in tanti si sono chiesti se anche il testo dell’articolo fosse stato generato dal’intelligenza artificiale, mettendo in risalto il crescente problema dell’editoria, che rischia di affliggere anche il mondo delle pubblicazioni scientifiche.

169 CONDIVISIONI
357 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views