396 CONDIVISIONI
27 Giugno 2022
14:55

Ora sappiamo perché le dita in acqua diventano raggrinzite

La vera ragione è che la rugosità della pelle rende più facile afferrare gli oggetti bagnati, aumentando la quantità di attrito tra le dita e l’oggetto.
A cura di Valeria Aiello
396 CONDIVISIONI

Perché, quando restiamo in acqua per un po’, la pelle delle dita di mani e piedi si raggrinzisce? In passato si pensava che questa rugosità fosse una risposta passiva degli strati superficiali della pelle, che si gonfiavano mentre l’acqua si infiltrava al loro interno, in un processo chiamato osmosi. Ma già nel secolo scorso, gli scienziati sospettavano che ci fosse qualcosa di diverso dietro a questo processo, dopo aver scoperto che il raggrinzimento delle dita indotto dall’acqua è in realtà controllato dal sistema nervoso, lasciando intendere l’esistenza di una vera ragione. In altre parole, le dita raggrinzite potrebbero essere un vantaggio, reagendo attivamente all’essere in acqua, come recentemente dimostrato dal team di ricerca guidato dal professor Nick Davis, neuroscienziato e psicologo della Manchester Metropolitan University, che insieme ai colleghi ha condotto uno studio sulle rughe dei polpastrelli.

Le dita raggrinzite dall'acqua sono un vantaggio

Con l’aiuto di 500 volontari che hanno visitato il Science Museum di Londra nel 2020, Davis ha misurato la forza necessaria per afferrare un oggetto di plastica. E probabilmente non sorprenderà sapere che i partecipanti con le mani asciutte utilizzavano meno forza rispetto alle persone con le mani bagnate perché la loro presa sull’oggetto era migliore. Tuttavia, quando i volontari hanno tenuto le mani in acqua per alcuni minuti fino a far raggrinzire i polpastrelli, la forza di presa è risultata minore rispetto a quella impressa da coloro che avevano le mani semplicemente bagnate. “I risultati sono stati sorprendentemente chiari – ha affermato Davis alla BBC – . Le rughe hanno aumentato la quantità di attrito tra le dita e l’oggetto, ma ciò che è particolarmente interessante è che le nostre dita sono sensibili a questo cambiamento nell’attrito superficiale e utilizziamo queste informazioni per applicare meno forza per afferrare un oggetto in modo sicuro”.

L’oggetto che i volontari di Davis dovevano afferrare pesava meno di un paio di monete, quindi la quantità di forza richiesta era piccola. Ma eseguendo compiti più ardui in un ambienti umidi, questa differenza di attrito potrebbe diventare più importante, suggerendo che gli esseri umani possano aver sviluppato questa capacità ad un certo punto del nostro passato, per afferrare oggetti e superfici bagnate. “Dato che sembra dare una presa migliore sott’acqua, suppongo che abbia a che fare con il movimento in condizioni molto bagnate o potenzialmente con la manipolazione di oggetti sott’acqua ha spiegato Tom Smulders, neuroscienziato evoluzionista dell’Università di Newcastle, nel Regno Unito, che nel 2013 ha condotto sul tema, rilevando che la rugosità può aver dato ai nostri antenati un vantaggio fondamentale quando, ad esempio, si trattava di camminare su rocce bagnate o di afferrare rami. In alternativa, avrebbe potuto aiutarci nella cattura o nella ricerca di cibo come i crostacei.

Altri indizi interessanti su quando questo adattamento possa essere apparso nella nostra specie, indicano che le dita raggrinzite sono meno pronunciate in acqua salata e richiedono più tempo per formarsi rispetto a quelle in acqua dolce. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il gradiente di sale tra la pelle e l’ambiente circostante è più basso nell’acqua salata, e quindi lo squilibrio salino che innesca le fibre nervose è meno potente. Pertanto, potrebbe essere un adattamento che ha aiutato i nostri antenati a vivere in ambienti di acqua dolce piuttosto che lungo le coste.

396 CONDIVISIONI
Ora sappiamo perché gli adolescenti non ascoltano i genitori
Ora sappiamo perché gli adolescenti non ascoltano i genitori
Vaccino di Johnson & Johnson limitato dall'FDA per il rischio trombosi: cosa sappiamo
Vaccino di Johnson & Johnson limitato dall'FDA per il rischio trombosi: cosa sappiamo
Cosa sappiamo sulle sottovarianti BA.4 e BA.5 di Omicron monitorate dall'OMS
Cosa sappiamo sulle sottovarianti BA.4 e BA.5 di Omicron monitorate dall'OMS
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni