17 Novembre 2022
18:26

Morti per infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, l’Italia è seconda in Europa

I decessi causati da infezioni da batteri resistenti agli antibiotici sono in aumento nel nostro Paese, passati da 11mila del 2015 a 15mila nel 2021.
A cura di Valeria Aiello

Il fenomeno dell’antibiotico-resistenza continua a rappresentare un grave problema in Italia, dove le percentuali di resistenza alle principali classi di antibiotici per gli otto patogeni sotto sorveglianza – Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, Enterococcus faecalis, Enterococcus faecium, Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Pseudomonas aeruginosa e Acinetobacter species – sono risultate elevate anche nel 2021, anche se in qualche caso sono in diminuzione rispetto agli anni precedenti. Lo indicano i dati della Sorveglianza nazionale dell’Antibiotico-Resistenza dell’Istituto Superiore di Sanità (AR-ISS) resi noti oggi, in vista della Giornata europea di sensibilizzazione del 18 novembre.

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è seconda per numero di decessi per infezioni da batteri resistenti, con 19 morti ogni 100.000 abitanti nel periodo 2016-2020, preceduta solo dalla Grecia, che ha registrato 20 morti ogni 100.000 abitanti nei cinque anni considerati. Secondo le stime dell’AIFA, il numero di decessi attribuibili a infezioni da batteri resistenti agli antibiotici è passato da 11mila del 2015 a 15mila nel 2021, nonostante un calo del 23% della somministrazione di questi farmaci negli ultimi 10 anni.

La resistenza ai farmaci e, in particolare, agli antibiotici, da parte dei batteri è un fenomeno che consiste nella capacità dei microrganismi di adattarsi e diventare resistenti alle molecole potenzialmente in grado di ucciderli o arrestarne la crescita, quindi di continuare a causare l’infezione. Questo fenomeno può quindi rendere una malattia infettiva più difficile da curare, aumentando il rischio di complicanze, fino ad arrivare ad esiti che possono essere invalidanti o causare il decesso.

È necessario sottolineare che i batteri, anche quelli resistenti, non riconoscono confini geografici, né barriere di specie, ed è per questo che il fenomeno dell’antibiotico-resistenza rappresenta una minaccia globale – evdenzia una nota del Ministero della Salute -.  Tuttavia, a causa dell’enorme pressione selettiva esercitata da un uso eccessivo e spesso improprio degli antibiotici, in diversi contesti, nel tempo questo fenomeno ha assunto i caratteri di una delle principali emergenze sanitarie globali, che minaccia la salute umana e animale, le piante e l’ambiente”.

Il miele di manuka potrebbe curare gravissime infezioni causate da un batterio resistente ai farmaci
Il miele di manuka potrebbe curare gravissime infezioni causate da un batterio resistente ai farmaci
Cos’è lo Streptococco A, il batterio killer in Inghilterra e qual è il rischio d'infezione in Italia
Cos’è lo Streptococco A, il batterio killer in Inghilterra e qual è il rischio d'infezione in Italia
I superbatteri uccidono 1,3 milioni di persone all'anno: in Italia oltre il 30% dei morti europei
I superbatteri uccidono 1,3 milioni di persone all'anno: in Italia oltre il 30% dei morti europei
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni