89 CONDIVISIONI

La solitudine è pericolosa come il fumo: “Uccide quanto un pacchetto di sigarette al giorno”

Lo afferma la massima autorità sanitaria degli Stati Uniti, Vivek Murthy: “Aumenta il rischio di morte prematura e il rischio di malattie cardiache e ictus”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valeria Aiello
89 CONDIVISIONI
Immagine

C’è un disturbo che affligge quasi la metà degli americani ed è legato anche all’aumento di infarti, depressione e morte prematura. Non è l’obesità, né il diabete o l’ipertensione. È la solitudine, che sta mettendo in pericolo la salute degli americani, come fumare un pacchetto di sigarette al giorno. Lo ha affermato la massima autorità sanitaria degli Stati Uniti, Vivek Murty, dichiarando che nel Paese è in corso “un’epidemia di solitudine” che ogni anno costa miliardi di dollari all’industria sanitaria. “Ora sappiamo che la solitudine è un sentimento comune che molte persone provano. È come la fame o la sete. È una sensazione che il corpo ci invia quando manca qualcosa di cui abbiamo bisogno per sopravvivere” ha detto Murthy in un’intervista all’Associated Press. “Milioni di persone in America stanno lottando nell'ombra, e non è giusto. Ecco perché ho emesso questo avviso, per alzare il sipario su una lotta che troppe persone stanno vivendo”.

“Epidemia di solitudine” negli States

In un rapporto di 81 pagine (“Our Epidemic of Loneliness and Isolation”), il Surgeon General’s Advisory, il Consiglio generale in materia di salute pubblica degli Stati Uniti di cui Murthy è il capo operativo (Surgeon General) dal 2014 – , fa il punto sull’incidenza della condizione nel Paese, indicando che il tempo che gli americani trascorrono con gli amici è diminuito di 20 ore al mese tra il 2003 e il 2020, e che nello stesso periodo il tempo che trascorrono da soli è cresciuto di 24 ore al mese. La solitudine è più evidente tra i giovani americani, in particolare tra quelli di età compresa tra i 15 e 24 anni, con il 70% in meno di interazioni sociali con i loro amici.

Il rapporto evidenzia i rischi della condizione, indicando che la solitudine e l’isolamento sociale aumentano il rischio di morte prematura rispettivamente del 26% e del 29%, accrescendo inoltre il rischio di malattie cardiache del 29% e il rischio di ictus del 32%. Secondo la ricerca, la solitudine può anche aumentare la probabilità di una persona di sperimentare depressione, ansia e demenza, e la suscettibilità ai virus e alle malattie respiratorie.

Una cura per la solitudine

Murthy ha chiesto uno sforzo collettivo per “riparare il tessuto sociale” degli Stati Uniti al fine di “destigmatizzare la solitudine e cambiare la nostra risposta culturale e politica nei suoi confronti”. Nello specifico, la sua strategia di basa sei pilastri che includono gli sforzi per rafforzare le infrastrutture sociali nelle comunità, in parte utilizzando i sistemi sanitari pubblici e chiedendo più “politiche pubbliche a favore della connessione” sviluppate con l’aiuto di un’agenda di ricerca per aiutare a colmare le lacune nei dati che circondano gli effetti dell’isolamento sociale.

In suo editoriale al New York Times, Murthy ha spiegato che anche lui ha dovuto combattere la solitudine, che lo ha colpito durante e subito dopo il suo primo mandato come Surgeon General, terminato nell’aprile 2017. “In quel periodo avevo trascurato la mia famiglia e i miei amici, pensando che fosse troppo difficile concentrarsi sul lavoro e concentrarsi sulla famiglia e sugli amici. Stavo davvero soffrendo per le conseguenze di ciò: un profondo senso di solitudine mi ha seguito per settimane, protraendosi per mesi”.

Nel suo editoriale ha anche rivelato che “ci è voluto più di un anno per lottare con il dolore e la vergogna della solitudine, ma alla fine ho trovato il mio punto di appoggio. Non l’ho fatto da solo. Mia madre, Myetraie; mio padre, Hallegere; e mia sorella, Rashmi mi chiamavano ogni giorno per ricordarmi che mi amavano per quello che ero. Mia moglie, Alice, mi ha ricordato che la luce che aveva visto in me quando ci siamo incontrati per la prima volta era ancora lì, anche se a volte non riuscivo a vederla”.

Ha inoltre affermato che la pandemia di Covid e il successivo lockdown ha aggiunto solo guai alla solitudine. “Quello che ha fatto il Covid è stato davvero gettare benzina su un fuoco che stava già bruciando – ha affermato Murthy – .Voglio che l’intero paese capisca quanto profonda sia la minaccia alla salute pubblica rappresentata dalla solitudine e dall’isolamento”.

89 CONDIVISIONI
"Il fumo uccide e rende impotenti": da agosto messaggi sulle singole sigarette in Canada
"Il fumo uccide e rende impotenti": da agosto messaggi sulle singole sigarette in Canada
Il fumo passivo delle sigarette a tabacco riscaldato fa male ai bambini: quali sono gli effetti
Il fumo passivo delle sigarette a tabacco riscaldato fa male ai bambini: quali sono gli effetti
No, oggi lunedì 15 gennaio non è il giorno più triste dell'anno: il Blue Monday è una bufala
No, oggi lunedì 15 gennaio non è il giorno più triste dell'anno: il Blue Monday è una bufala
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni