704 CONDIVISIONI
14 Aprile 2022
12:37

Il virus Zika può diventare più aggressivo ed elusivo a causa di una mutazione: rischio focolai

Attraverso esperimenti di laboratorio è stata scoperta una mutazione del virus Zika che può renderlo più aggressivo e capace di eludere le difese immunitarie.
A cura di Andrea Centini
704 CONDIVISIONI

Il virus Zika in futuro potrebbe diventare più trasmissibile e pericoloso, scatenando nuovi potenziali focolai. Il patogeno, un virus a RNA della famiglia Flaviviridae responsabile di un'emergenza sanitaria nel 2016, potrebbe diventare anche più bravo a “bucare” le difese immunitarie già presenti, aumentando il rischio di reinfezione e diffusione. Questo inquietante scenario, al momento solo ipotetico, è stato tratteggiato da un gruppo di scienziati che ha analizzato a fondo le capacità di mutazione dello Zika, così chiamato per il nome della foresta ugandese in cui fu isolato per la prima volta in una scimmia, nel lontano 1947.

A determinare che il virus Zika potrebbe diventare più contagioso, aggressivo ed elusivo è stato un team di ricerca statunitense guidato da scienziati del La Jolla Institute for Immunology di La Jolla (California), che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia dell'Università del Texas Medical Branch (UTMB), del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute, del Lawrence Berkeley National Laboratory e di altri centri di ricerca. Gli scienziati, coordinati dal professor Sujan Shresta, docente presso il Centro per le malattie infettive e ricerca sui vaccini dell'istituto californiano, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto alcuni specifici esperimenti, replicando cicli di infezione multipli tra zanzare e topi.

Il professor Shresta e i colleghi hanno osservato che tra una infezione e l'altra il virus muta con estrema rapidità ed efficacia, accumulando cambiamenti che permettono allo Zika di infettare con maggiore rapidità ed virulenza. Nello specifico, è stato rilevato un singolo cambiamento in un amminoacido – una mutazione chiamata NS2B I39V/I39T – che ha permesso al patogeno di replicarsi più agevolmente sia nelle zanzare Aedes aegypti, che sono il vettore naturale del virus, che nei topi infettati. “Questa singola mutazione è sufficiente per aumentare la virulenza del virus Zika”, ha dichiarato il coautore dello studio Jose Angel Regla-Nava in un comunicato stampa. “Un alto tasso di replicazione in una zanzara o in un ospite umano potrebbe aumentare la trasmissione virale o la patogenicità e causare un nuovo focolaio”, ha aggiunto l'esperto.

L'aspetto più inquietante di questa mutazione è stata la capacità del virus di superare l'immunità crociata innescata dal virus responsabile della Dengue, un altro flavivirus a RNA molto simile allo Zika che quando infetta innesca difese immunitarie anche contro l'altro patogeno. “Nelle aree in cui è prevalente Zika, la stragrande maggioranza delle persone è già stata esposta al virus della dengue e ha sia cellule T che anticorpi che reagiscono in modo incrociato”, ha affermato il professor Shresta. Fortunatamente si è trattato solo di esperimenti di laboratorio, tuttavia questa possibile mutazione associata a un aumento della virulenza può essere facilmente trasferita nel mondo reale, pertanto gli autori dello studio sottolineano l'importanza di monitorare le aree a rischio e di andare a caccia di mutazioni attraverso il sequenziamento genomico, come si fa anche col coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della pandemia di COVID-19.

Il virus Zika viene trasmesso principalmente dalle punture delle zanzare del genere Aedes – è possibile anche la trasmissione sessuale – ed è diffuso in Africa, Asia e nel continente americano. Generalmente provoca un'infezione lieve e solo una ridotta percentuale dei contagiati sviluppa sintomi, tuttavia può avere conseguenze catastrofiche se ad essere punta è una donna incinta. Tra gli effetti sul feto ci sono microcefalia e danni cerebrali. Anche per questo i ricercatori stanno sviluppando un vaccino ad hoc, pensato principalmente per proteggere proprio le donne in gravidanza. I dettagli della ricerca “A Zika virus mutation enhances transmission potential and confers escape from protective dengue virus immunity” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Reports.

704 CONDIVISIONI
Una mutazione genetica dell'autismo può essere invertita con la terapia genica
Una mutazione genetica dell'autismo può essere invertita con la terapia genica
La crisi climatica minaccia il caffè: entro il 2050 crolleranno i terreni idonei per coltivarlo
La crisi climatica minaccia il caffè: entro il 2050 crolleranno i terreni idonei per coltivarlo
Questa ragazza non può sorridere a causa di una rara malattia
Questa ragazza non può sorridere a causa di una rara malattia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni