119 CONDIVISIONI
28 Febbraio 2023
20:22

Il consumo del dolcificante eritritolo è collegato a un più alto rischio di infarti e ictus

Lo rileva un nuovo studio pubblicato su Nature Medicine da un team di ricerca americano, i cui risultati sottolineano la necessità di ulteriori ricerche sulla sicurezza di questo sostituto dello zucchero.
A cura di Valeria Aiello
119 CONDIVISIONI

Il consumo di eritritolo, un popolare dolcificante dall’apporto calorico pressoché nullo, è associato a un più alto rischio di infarti e ictus. Lo rileva un nuovo studio dell’americana Cleveland Clinic pubblicato sulla rivista scientifica Nature Medicine, i cui risultati sottolineano la necessità di ulteriori ricerche sulla sicurezza di questo sostituto dello zucchero. Ampiamente utilizzato per dolcificare cibi e bevande, l’eritritolo è un alcol zuccherino (polialcol) come il sorbitolo e lo xilitolo, che ha lo stesso aspetto e lo stesso sapore dello zucchero, riconosciuto come sicuro sebbene si sappia poco degli effetti del suo consumo a lungo termine.

Il dolcificante eritritolo associato a un maggiore rischio di infarti e ictus

La nuova analisi, che ha coinvolto oltre 4.000 persone negli Stati Uniti e in Europa, ha messo in evidenza che i soggetti con livelli più elevati di eritritolo nel sangue “erano a rischio elevato di sperimentare un grave evento cardiaco avverso come infarto, ictus o morteprecisano gli autori della ricerca, che hanno anche esaminato gli effetti dell’aggiunta di eritritolo direttamente in campioni di sangue o di piastrine isolate. Questi test hanno mostrato che l’eritritolo ha reso “le piastrine più facili da attivare” e capaci di formare coaguli. Studi preclinici, segnalano gli studiosi, hanno confermato che l’assunzione di eritritolo aumenta la formazione di coaguli.

Gli edulcoranti come l’eritritolo sono rapidamente aumentati di popolarità negli ultimi anni, ma è necessaria una ricerca più approfondita sui loro effetti a lungo termine – ha affermato il dottor Stanley Hazen, autore senior dello studio e presidente del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Metaboliche del Lerner Research Institute, nonché co-responsabile della Cardiologia Preventiva presso la Cleveland Clinic – . Le malattie cardiovascolari si accumulano nel tempo e sono la principale causa di morte a livello globale. Dobbiamo assicurarci che i cibi che mangiamo non siano contributori nascosti”.

Cos’è l’eritritolo, il dolcificante a zero calorie

L’eritritolo è un comune sostituto dello zucchero da tavola (saccarosio) utilizzato come dolcificante in diversi cibi e bevande a basso contenuto calorico, a basso contenuto di carboidrati e basso contenuto di zuccheri. Poiché il suo consumo induce un minore aumento del glucosio del sangue, i prodotti contenenti eritritolo “sono spesso raccomandati per le persone che soffrono di obesità, diabete o sindrome metabolica e sono alla ricerca di opzioni per aiutare a gestire il loro apporto di zuccheri o calorie – evidenziano i ricercatori – . Le persone con queste condizioni sono anche a più alto rischio di eventi cardiovascolari avversi come infarto e ictus”.

L'eritritolo è presente in natura negli alimenti di origine vegetale, come la frutta, ed è prodotto industrialmente attraverso la fermentazione del mais. Dopo l’ingestione, spiegano dalla Cleveland Clinic, viene scarsamente metabolizzato dall’organismo ed entra nel flusso sanguigno, per poi essere smaltito principalmente attraverso l’urina. Il corpo umano crea naturalmente basse quantità di eritritolo, quindi qualsiasi consumo aggiuntivo può accumularsi.

Gli autori sottolineano l’importanza di studi di follow-up per confermare i risultati nella popolazione generale e colmare i limiti della loro analisi, tra cui il fatto che si tratta di uno studio di osservazione clinica che dimostra l’associazione e non la causalità. “Il nostro studio indica che quando i partecipanti hanno consumato una bevanda zuccherata artificialmente con una quantità di eritritolo presente in molti alimenti trasformati, si osservano livelli notevolmente elevati nel sangue per giorni – livelli ben superiori a quelli osservati per aumentare i rischi di coagulazione – ha aggiunto il dottor Hazen – . È importante che vengano condotti ulteriori studi sulla sicurezza per esaminare gli effetti a lungo termine dei dolcificanti artificiali in generale, e dell’eritritolo in particolare, sui rischi di infarto e ictus, in particolare nelle persone a più alto rischio di malattie cardiovascolari”.

119 CONDIVISIONI
Il Fuoco di Sant'Antonio aumenta il rischio di ictus e infarto del 30%, secondo uno studio
Il Fuoco di Sant'Antonio aumenta il rischio di ictus e infarto del 30%, secondo uno studio
Ansia, depressione e insonnia nei giovani aumentano sensibilmente il rischio di ictus e infarto
Ansia, depressione e insonnia nei giovani aumentano sensibilmente il rischio di ictus e infarto
Il vaccino Covid riduce il rischio di infarto, ictus e altre patologie in chi è stato infettato
Il vaccino Covid riduce il rischio di infarto, ictus e altre patologie in chi è stato infettato
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni