52 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Cambiamenti climatici

Gli uragani stanno diventando così forti da richiedere una nuova categoria

L’estensione della scala Saffrin-Simpson, attualmente compresa da 1 a 5, è stata proposta da un team di scienziati per classificare i “mega-uragani” con la categoria 6: “Sempre più probabili a causa dei cambiamenti climatici”.
A cura di Valeria Aiello
52 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Gli uragani stanno diventando così forti da richiedere l’estensione della scala Saffrin-Simpson, lo standard di misurazione dell’intensità dei cicloni tropicali che, attualmente prevede cinque categorie, da 1 a 5. L’ampliamento con una sesta categoria (categoria 6) è stato proposto da un team di scienziati per classificare i mega-uragani, ovvero gli eventi sostenuti da venti pari o superiori a 252 km/h all’ora. Questo tipo di fenomeni, osservano gli studiosi, sta diventando sempre più probabile a causa dei cambiamenti climatici e, secondo i loro calcoli, almeno cinque uragani degli ultimi dieci anni sarebbero stati inseriti in questa nuova categoria 6 se l’attuale sistema di classificazione fosse già stato ampliato.

Uragani sempre più forti a causa dei cambiamenti climatici

L’estensione della scala Saffrin-Simpson, sviluppata all’inizio degli Anni 70 da Herbert Saffir, un ingegnere civile, e Robert Simpson, un meteorologo che era il direttore del National Hurricane Center degli Stati Uniti, è stata proposta in un nuovo studio appena pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences. Attualmente, la scala classifica qualsiasi uragano sostenuto da venti con:

  • velocità di almeno 119 km/h e fino a 153 km/h per gli eventi di categoria 1,
  • velocità di almeno 154 e fino a 177 km/h per gli eventi di categoria 2, velocità di almeno 178 e fino a 208 km/h per gli eventi di categoria 3,
  • velocità di almeno 209 e fino 251 km/h per gli eventi di categoria 4
  • velocità di almeno 252 km/h all’ora e superiori

Più alta è la categoria, maggiori sono i danni causati dall’uragano. Esempi di eventi di categoria 5 sono l’uragano Katrina che nel 2005 ha devastato New Orleans e l’uragano Maria che si è abbattuto su Porto Rico nel 2017, ma il nuovo studio sostiene che gli eventi di classe superiore stanno diventando sempre più probabili a causa del riscaldamento degli oceani e dell’atmosfera. Questi includono il tifone Haiyan, che ha ucciso più di 6.000 persone nelle Filippine nel 2013, e l’uragano Patricia, che ha raggiunto una velocità massima di 350 km/h quando si è formato vicino al Messico nel 2015. “Questo tipo di eventi non si forma ancora nell’oceano Atlantico e nel Golfo del Messico, ma siamo già in presenza di condizioni favorevoli alla formazione della categoria 6 – ha affermato Michael Wehner, uno scienziato del Lawrence Berkeley National Laboratory negli Stati Uniti e co-autore dello studio – . Spero che non accada, ma è solo un lancio di dadi. Sappiamo che queste tempeste sono già diventate più intense e continueranno a farlo”.

Sebbene il numero totale degli uragani non sia in aumento a causa della crisi climatica, i ricercatori hanno scoperto che l’intensità delle grandi tempeste è notevolmente cresciuta durante i quattro decenni di registrazione satellitare degli uragani. Il riscaldamento degli oceani sta fornendo energia extra per intensificare rapidamente gli uragani, aiutato da un’atmosfera più calda e carica di umidità.

In questa situazione, la scala Saffir-Simpson è “una misura imperfetta” dei pericoli rappresentati da un uragano, ha aggiunto Wehner, ma l’aggiunta di una categoria 6 evidenzierebbe i maggiori rischi dovuti alla crisi climatica. “Il nostro scopo principale è aumentare la consapevolezza che il cambiamento climatico sta interessando le tempeste più intense”.

52 CONDIVISIONI
523 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views