40 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina

Russia, condannata a 7 anni di carcere perché pacifista: “Ho agito secondo le mie regole morali”

L’ultimo discorso pronunciato ieri in tribunale dall’artista e pacifista russa Sasha Skochilenko, condannata a sette anni di carcere per aver scritto cinque bigliettini contro la guerra in Ucraina.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
40 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Ieri il Tribunale distrettuale di Vasileostrovsky ha condannato l'artista Sasha Skochilenko a sette anni di carcere in una colonia di regime generale. La donna è stata ritenuta colpevole di aver diffuso "false informazioni" sull'esercito russo (articolo 207.3 del Codice penale della Federazione Russa) attraverso cinque volantini-prezzi contro la guerra, che l'artista ha distribuito nel negozio Perekryostok di San Pietroburgo pochi mesi dopo l'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina. "Putin ci mente dagli schermi televisivi da 20 anni: il risultato di queste bugie è la nostra disponibilità a giustificare la guerra e le morti insensate", si leggeva su uno dei cartellini apposti dalla donna, che i giudici hanno dichiarato pericolosi per la società russa e persino la sicurezza dello Stato. “L’esercito russo ha bombardato una scuola d’arte drammatica a Mariupol. All’interno si nascondevano circa 400 persone", aveva scritto Aleksandra su un altro cartellino.

Ebbene, prima della sentenza di condanna Sasha Skochilenko ha pronunciato un toccante discorso che è stato in seguito diffuso e che Fanpage.it pubblica integralmente. Il testo è stato tradotto dall'associazione russa "Protesto contro la guerra".

"Vostro Onore! Rispettato Tribunale!

Il mio procedimento penale è così strano e ridicolo che è stato avviato il 1° aprile (nel giorno pesce d'aprile). Il mio caso è così strano e ridicolo che a volte mi aspetto di entrare in aula solo per essere accolta con coriandoli e grida di “Sei stata presa in giro!” Il mio caso è talmente strano e ridicolo che persino i dipendenti del centro di detenzione N5 rimangono sbalorditi ed esclamano: "Ma davvero ora mettono le persone in carcere per questo?". Persino i sostenitori della “Operazione militare speciale” che ho incontrato non pensano che io meriti una pena detentiva per il mio atto.

Il mio caso è tale che il mio investigatore si è dimesso prima della conclusione del caso. In una conversazione personale con il mio avvocato, ha dichiarato: “Non sono entrato a far parte del comitato investigativo per perseguire casi come quello di Sasha Skochilenko”. Lui ha abbandonato il caso che lo avrebbe proiettato verso una splendida carriera, il caso che gli era già valso una promozione. Ha lasciato il comitato investigativo per lavorare in un negozio di eccedenze militari. Rispetto immensamente la sua decisione e penso che io e lui siamo molto simili: entrambi abbiamo agito secondo coscienza.

L'articolo 207.3 del codice penale è fondamentalmente discriminatorio, perché punisce solo una certa cerchia di persone, quelle che non fanno parte di organi statali. Pensateci: le informazioni che ho diffuso erano consapevolmente false per i miei investigatori, a differenza di me. Tuttavia, sono stati loro a diffonderle nel loro dipartimento, così come nell'ufficio del procuratore e nel tribunale. Hanno insultato i testimoni militari con queste informazioni e hanno creato un clamore pubblico enorme.

Grazie agli investigatori e procuratori, le informazioni che ho diffuso hanno raggiunto migliaia di persone in Russia e nel mondo. Se non fossi stato arrestato, l'avrebbero saputo solo una nonna, una cassiera e una guardia di sicurezza del negozio di Perekrestok. E come risulta dai materiali del processo penale, i cosiddetti cartellini dei prezzi non hanno fatto alcuna impressione su due di queste tre persone.

Se questi cinque pezzi di carta sono così allarmanti, perché avviare questo procedimento? Per recitare decine di volte questi punti di discussione che minacciano così tanto la sicurezza pubblica? Ma qui stavamo recitando i testi dei "cartellini dei prezzi" per tutto il processo. Si è aperto un abisso? È scoppiata una rivoluzione? I soldati hanno iniziato a fraternizzare tra le linee del fronte? Non è successo nulla del genere. Allora, qual è il vero problema?

Il pubblico ministero ha ripetutamente affermato che il mio atto è estremamente pericoloso per la società e per lo Stato. Quanto fragile deve essere la fiducia del pubblico ministero nel nostro Stato e nella nostra società se pensa che il nostro Stato e la nostra sicurezza pubblica possano essere minacciati da cinque piccoli pezzi di carta?

Quando qualcuno istiga un ammutinamento militare che causa danni sostanziali al nostro Paese, il suo caso penale viene rapidamente aperto e chiuso nel giro di un giorno. Per il mio atto invece non ha sofferto nessuno, eppure sono in carcere da più di un anno e mezzo, insieme ad assassini, ladri, stupratori e magnaccia. Ma davvero il cosiddetto danno da me causato è paragonabile a questi crimini?

Ogni condanna è un messaggio per la società. Indipendentemente dal modo in cui considerate il mio atto, probabilmente sarete d'accordo sul fatto che ho dimostrato coraggio e forza di carattere, non sono stata ipocrita e sono rimasta sincera con me stessa e onesta con questo tribunale, ho agito secondo le mie linee guida morali. E dovete riconoscere che io possiedo tali principi, anche se voi personalmente ne condividete altri. Nel gergo degli investigatori, mettere una persona in un centro di detenzione preventiva si chiama "fare un prigioniero". Ebbene, non mi sono arresa e sono rimasta intatta in questa “prigionia”, nonostante le minacce di molestie, malattie e fame.

E se la condanna è un messaggio al popolo, allora pensate cosa state comunicando alla gente, ai nostri cittadini, quando mi condannate? Che devono arrendersi? Che devono essere ipocriti? Che devono ammettere qualcosa di cui non sono colpevoli? Сhe è sbagliato provare empatia per i nostri soldati? Che non si può desiderare la pace? Che la nostra società e il nostro Stato possono essere distrutti da cinque piccoli pezzi di carta? È davvero questo ciò che volete dire alle persone nei tempi di crisi, instabilità, depressione e stress?

Il mio processo ha attirato grande attenzione in Russia e nel mondo. Decine o addirittura centinaia di migliaia di persone lo stanno seguendo. Sul mio caso vengono scritti libri e realizzati documentari. Quindi, a prescindere dal verdetto, lei [giudice] passerà alla storia. Forse passerà alla storia come la persona che mi ha messo in prigione, forse come la persona che mi ha assolto, forse come la persona che ha preso una decisione neutrale e mi ha dato una multa, la libertà vigilata o una pena scontata. Tutti vedono e sanno che non si sta giudicando una terrorista. Non state giudicando un’estremista. Non state nemmeno giudicando un’attivista politico. State giudicando una pacifista.

Sono una pacifista. I pacifisti sono sempre esistiti. Siamo un tipo particolare di persone che attribuiscono il valore più alto alla vita. Crediamo che ogni conflitto possa essere risolto pacificamente. Non riesco nemmeno a uccidere un ragno, l'idea di togliere la vita a qualcuno mi terrorizza. La guerra è iniziata dai guerrieri, ma la pace arriva grazie ai pacifisti. E quando imprigionate i pacifisti, ritardate il tanto atteso giorno della pace.

Sì, credo che la vita sia sacra. Oh sì, la vita! Se togliamo tutti gli ornamenti di questo mondo come il denaro, il potere, la fama, la posizione sociale, resta solo lei. Oh, sì, la vita! È testarda, è ostinata, è incredibile, toccante, sorprendente, potente. È nata sulla Terra e finora non abbiamo trovato nessun analogo, nemmeno nell'immensità dello spazio. Può farsi strada attraverso l'asfalto, distruggere le pietre, può crescere da una piccola piantina in un gigantesco baobab, da una microscopica cellula in una gigantesca balena. Abita le vette, si nasconde nella Fossa delle Marianne, esiste nel ghiaccio artico e nel caldo deserto. La sua forma più perfetta è l'uomo.

Gli esseri umani rappresentano una forma di vita straordinariamente intelligente. È una vita consapevole di se stessa, della sua mortalità. Tuttavia, spesso ci dimentichiamo di questa consapevolezza, vivendo come se fossimo immortali. In realtà, la vita umana è fugace. È estremamente breve. Possiamo solo cercare di prolungare un breve momento di beatitudine. Ogni essere vivente vuole vivere. Anche sul collo degli impiccati ci sono segni di graffi di unghie. Ciò significa che, fino all'ultimo momento, desideravano disperatamente sopravvivere.

Chiedete a una persona che ha appena subito l'asportazione di un tumore cosa sia la vita e quanto sia preziosa. Oggi gli scienziati e i medici di tutto il mondo si sforzano di prolungare la vita umana e di trovare cure per malattie mortali. Ecco perché non capisco: perché la guerra? La guerra accorcia la vita. La guerra è la morte. Nel 2021, durante la pandemia di coronavirus, abbiamo perso i nostri cari anziani, nonni, mentori, insegnanti. Abbiamo sopportato tanto dolore, ansia e lutto, e proprio quando stavamo iniziando a rimetterci in piedi, a vivere… scatta la guerra. Ora stiamo perdendo dei giovani. Ancora morte, ancora lutto, ancora dolore. E non riesco proprio a capire: perché la guerra?

Chiamatelo come volete – che io fossi un'illusa, o che mi fossi sbagliata, o la mia mente sia stata offuscata da qualcuno… Rimango fedele alla mia opinione e alla mia verità. Non credo che nessuno debba essere obbligato per legge ad aderire a una verità o a un'altra.

Il pubblico ministero crede in una verità molto diversa dalla mia. Crede nell'esistenza dei cosiddetti "tirapiedi della NATO" o che tutti i media indipendenti siano finanziati dall'estero. Ma la differenza tra me e il nostro pubblico ministero è quella che io non lo imprigionerei mai per questo.

Mi dispiace se le mie azioni hanno offeso qualcuno. La mia reclusione in un centro detenzione preventiva dove ho interagito con persone molto diverse da me, mi ha aiutato a capire che ognuno crede nella propria verità. Lo stesso vale per l'atteggiamento nei confronti della guerra. Ed è una grande tragedia che non condividiamo tutti la stessa verità e non accettiamo le verità degli altri: ciò crea divisioni nella società, distrugge le famiglie e separa le persone vicine, aumenta il livello di aggressività, moltiplica l'inimicizia sulla terra e ci allontana sempre di più dalla tanto attesa pace. Non è sbagliato dire che ogni persona in questa Sala vuole la stessa cosa: la pace.

Perché fare la guerra quando siamo tutto ciò che abbiamo l’uno per l'altro in questo mondo, pieno di calamità, catastrofi e difficoltà? Possono tutte le ricchezze e tutto il potere dell'universo riscattare la persona amata dalla prigionia della morte? No, non possono farlo né il denaro, né il potere, né la carriera, né l'appartamento, né l'automobile.

Siamo tutto ciò che abbiamo l'uno per l'altro. E io ho persone care che mi stanno a cuore più di ogni altra cosa al mondo. Vengono in questa Sala e si preoccupano della mia vita, della mia salute e della mia libertà. Non vogliono che io vada in prigione. Ad aspettarmi a casa ci sono la mia madre anziana, mia sorella e la mia amata fidanzata con una diagnosi terrificante: il cancro. E finora non conosco nessuno, eccetto il pubblico ministero, che mi voglia imprigionare.

In realtà credo che nemmeno il pubblico ministero lo voglia. Mi sembra che sia arrivato in procura per mettere in galera i veri criminali e delinquenti: assassini, stupratori, seduttori di minori. Ma le cose sono andate diversamente: bisogna mettere in prigione chi deve essere messo in prigione, e questo garantisce un avanzamento di carriera. Questo è il sistema stabilito. Almeno ora non facciamo finta che non sia così.

Non vi biasimo. Vi preoccupate della vostra carriera, di una posizione stabile in futuro, di provvedere alla vostra famiglia, di darle il pane e un tetto sulla testa, di mettere in piedi i vostri figli futuri o già nati. Ma cosa gli racconterete? Di come avete imprigionato una donna gravemente malata per cinque pezzi di carta? No, senza dubbio racconterete di altri casi. Probabilmente vi consolerete con il fatto che state solo facendo il vostro lavoro. Ma cosa farete quando il pendolo oscillerà nella direzione opposta?

Questa è una legge storica: i liberali vengono sostituiti dai conservatori, i conservatori dai liberali. Dopo la morte naturale di un leader politico ne arriva un altro con un percorso opposto, e i primi diventano i secondi e i secondi diventano i primi. Può sembrare strano, ma provo compassione per voi.

Anche se sono in carcere, sono più libera di voi. Posso prendere le mie decisioni, posso dire quello che penso, posso lasciare il mio lavoro se sono costretto a fare qualcosa che non voglio fare. Non ho nemici, non ho paura di rimanere senza soldi o addirittura senza un tetto sopra la testa. Non ho paura di non avere una carriera brillante, di apparire ridicola, vulnerabile o strana. Non ho paura di essere diversa. Forse è per questo che il mio Stato ha così tanta paura di me e di quelli come me e mi tiene in gabbia come una bestia pericolosa.

Ma l'uomo non è un lupo per l'uomo. È facile arrabbiarsi con l'altro a causa delle diverse posizioni, ma è molto difficile amarsi, cercare di capire e trovare compromessi. È così insopportabilmente difficile che a volte sembra semplicemente impossibile: in questi momenti la violenza o la coercizione sembrano essere l'unica via d'uscita. Ma non è così! È necessario imparare ad amare e a risolvere i conflitti con le parole: è l'unica via d'uscita dalla crisi morale in cui ci troviamo.

Vostro Onore! Con il vostro verdetto, potrete essere un esempio per tutti – un esempio di come un conflitto possa essere risolto attraverso le parole, l'amore, la misericordia, la compassione, e non forzando la cosiddetta verità attraverso una sentenza penale. Questo sarà un grande passo verso la riduzione della rabbia, verso la guarigione e la riconciliazione della società.

Vostro Onore! Capisco che per lei questo è solo un lavoro, un caso di routine, ore di lavoro e molte scartoffie. Forse in mezzo a questa routine, come in tutti i lavori, la verità viene spazzata via e dimenticata. Ma la verità è che lei ha un grande potere: decidere il destino delle persone. In questo caso, il mio destino, la mia salute, la mia vita e la felicità dei miei cari sono in suo potere. Credo che eserciterà questo potere con la saggezza.

40 CONDIVISIONI
4142 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni