60 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Distribuiva biglietti pacifisti nei negozi: condannata a 7 anni l’attivista russa Alexandra Skochilenko

L’artista e attivista russa Alexandra Skochilenko è condannata a sette anni di carcere: era accusata di aver sostituito i cartellini dei prezzi delle merci in un supermercato di San Pietroburgo con messaggi sui crimini di guerra commessi dalle truppe russe a Mariupol, in Ucraina.
A cura di Davide Falcioni
60 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un tribunale russo ha condannato l’artista e attivista Aleksandra Skochilenko a sette anni di reclusione ai sensi dell’articolo 207.3 del codice penale sul "discredito delle forze armate". La donna era accusata di aver sostituito i cartellini dei prezzi delle merci in un supermercato di San Pietroburgo con messaggi sui crimini di guerra commessi dalle truppe russe a Mariupol, in Ucraina, pubblicando anche i nomi di alcune delle vittime del massacro al teatro di arte drammatica. "Putin ci mente dagli schermi televisivi da 20 anni: il risultato di queste bugie è la nostra disponibilità a giustificare la guerra e le morti insensate", si leggeva su uno dei cartellini dei prezzi modificati, che i giudici hanno dichiarato pericolosi per la società russa e persino la sicurezza dello Stato. “L’esercito russo ha bombardato una scuola d’arte drammatica a Mariupol. All’interno si nascondevano circa 400 persone", aveva scritto Aleksandra su un altro cartellino.

L'azione non violenta era stata commessa nel marzo del 2022 e circa un mese dopo, l'11 aprile, la polizia aveva fatto irruzione nell'abitazione di Aleksandra Skochilenko perquisendola da capo a fondo. L'attivista era quindi stata arrestata e interrogata fino alle 3 del mattino seguente. Il 13 aprile, il tribunale distrettuale di Vasileostrovsky l’aveva posta in custodia cautelare fino al 1° giugno 2022.

Immagine

Aleksandra Skochilenko è stata accusata di “diffondere consapevolmente false informazioni sull’utilizzo delle forze armate russe e sull’esercizio dei loro poteri da parte degli organi di stato della Federazione russa" ai sensi dell’articolo 207.3, paragrafo 2, aggiunto di recente, del codice penale. Rischiava dai 5 ai 10 anni di carcere. La donna è nota nella comunità artistica: scrive canzoni, crea fumetti e cartoni animati, organizza concerti e jam session. Ha anche autrice del "Libro sulla depressione", volume che ha aiutato molte persone e ha contribuito a de-stigmatizzare le malattie mentali.

Amnesty International ha definito quello nei confronti di Aleksandra Skochilenko un "processo vergognoso" e ha così commentato la sentenza:  "Questo verdetto clamorosamente ingiusto chiude una vicenda giudiziaria in cui gli unici crimini commessi sono quelli rimasti impuniti. Uno è contro la stessa Aleksandra Skochilenko che, dopo essere stata arbitrariamente privata della libertà e detenuta in condizioni equivalenti a tortura per 19 mesi, ora rischia di passare sette anni in una colonia penale. L’altro è l’aggressione russa contro la popolazione dell’Ucraina, che Aleksandra Skochilenko ha semplicemente cercato di denunciare".

60 CONDIVISIONI
4230 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views