157 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
5 Ottobre 2022
17:22

Putin firma decreto dopo i Referendum in Ucraina: “La centrale nucleare di Zaporizhzhia è russa”

Il presidente russo Putin ha firmato un decreto che inserisce formalmente la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, nella lista degli asset federali della Russia.
A cura di Ida Artiaco
157 CONDIVISIONI
La centrale nucleare di Zaporizhzhia dall’alto.
La centrale nucleare di Zaporizhzhia dall’alto.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin ha emanato un nuovo decreto che inserisce formalmente la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia nella lista degli asset federali della Russia.

Lo riporta l'agenzia di stampa Tass. La centrale, la più grande d'Europa, sotto il controllo russo dallo scorso mese di marzo, è stata gestita finora dal personale ucraino.

Ma, dopo i Referendum di annessione alla Russia, svoltisi nei giorni scorsi proprio a Zaporizhzhia, oltre che a Kherson, Lugansk e Donetsk, lo scenario cambia ancora. Secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergei Vershinin, l'obiettivo principale è quello di garantire "la sicurezza nucleare" e "il normale funzionamento della centrale nucleare, che oggi si trova in territorio russo e di conseguenza deve operare sotto la supervisione delle nostre agenzie competenti".

L'operatore nucleare ucraino Energoatom "considera insignificante, assurdo e inadeguato il decreto del presidente russo Vladimir Putin e gli altri "documenti" di Mosca sull'inclusione della centrale nucleare di Zaporizhzhia tra i beni della Federazione russa. Lo riferisce una nota dell'ente, citata dall'Ukrainska Pravda.

La situazione preoccupa ora ancora di più la comunità internazionale.

Il direttore dell'AIEA, l'Agenzia per l'energia atomica, Rafael Grossi, ha fatto sapere di essere diretto a Kiev per una serie di importanti incontri. "Il bisogno di una zona di sicurezza intorno alla centrale di Zaporizhzhia è ora più urgente che mai", ha scritto in un tweet.

Intanto, sempre Grossi ha fatto sapere che "la fornitura di elettricità alla centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi nell'Ucraina meridionale è precaria". E nelle scorse ore ci sono stati nuovi bombardamenti nell'area, con il solito scambio di accuse tra Mosca e Kiev.

I russi hanno accusato le forze ucraine di aver colpito l'area della centrale nucleare di Zaporizhzhia con 43 proiettili, diretti verso il settore settentrionale della città di Energodar e la zona adiacente all'impianto.

Secondo il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, "la situazione delle radiazioni rimane normale".

D'altro lato, Oleksandr Starukh, capo dell'amministrazione militare regionale di Zaporizhzhia, ha annunciato che l'esercito russo ha attaccato la zona con missili Iskander-K e uno dei razzi a frammentazione è stato neutralizzato.

"Il nemico ha attaccato con i missili Iskander-K – ha scritto su Telegram – distruggendo alcune infrastrutture. Uno dei razzi, del tipo a grappolo, è stato neutralizzato sulla città e i detriti sono caduti in varie zone della città. Se il missile avesse raggiunto l'obiettivo, la distruzione sarebbe stata molto più estesa".

157 CONDIVISIONI
3147 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni