178 CONDIVISIONI
Conflitto Israelo-Palestinese

Nave da guerra Usa attaccata nel Mar Rosso, droni e missili dai ribelli Houthi: “Colpito nemico sionista”

Il Pentagono conferma l’attacco che ha preso di mira almeno due navi commerciali e un cacciatorpediniere nello stretto di Bab el-Mandeb. La rivendicazione dei ribelli yemeniti Houthi che parlano di una una risposta alla guerra in corso su Gaza.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Biagio Chiariello
178 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto Israelo-Palestinese

Alta tensione nel Mar Rosso, dove una nave da guerra statunitense e diverse altre imbarcazioni commerciali sono state attaccate. Lo ha confermato il Pentagono, precisando che la portaerei colpita è la USS Carney. A rivendicare l'azione sono stati i ribelli Houthi milizia armata sciita che controlla gran parte del nord-ovest dello Yemen, anch’essa sostenuta e finanziata dall’Iran. L'attacco sarebbe una risposta alla guerra in corso su Gaza.

In mattinata era già scattato l'allarme dell'Autorità per il traffico marittimo commerciale britannica (Uktmo), che affermava di aver ricevuto diverse segnalazioni di attività di droni e di una "possibile esplosione" nello stretto di Bab al-Mandab, che divide il Mar Rosso dall'Oceano indiano, dalla direzione dello Yemen.

Poche ore dopo l'Uktmo e i consulenti per la sicurezza marittima Diaplous hanno rivelato che almeno due navi commerciali e una nave da guerra USA che navigavano nello stretto di Bab al-Mandab sono state effettivamente vittime di alcuni bombardamenti droni provenienti dallo Yemen.

"La Marina yemenita ha preso di mira due navi del nemico sionista nello stretto di Bab el-Mandeb in sostegno ai civili di Gaza", ha dichiarato il portavoce militare degli Houthi, Yahya Saria, citato da Press Tv. Una delle due navi colpite, sottolinea anche il sito di Haaretz, appartiene a una compagnia britannica di proprietà di Danny Ungar, figlio del magnate delle spedizioni israeliano Rami Ungar. L'Associated Press ha citato un funzionario americano secondo cui l'attacco sarebbe iniziato intorno alle 10 di mattina a Sanaa, nello Yemen, e sarebbe proseguito per circa cinque ore.

La nave militare americana è invece il cacciatorpediniere Carney, che è intervenuta proprio in soccorso ai due mercantili. Un funzionario del Pentagono ha detto ad Al Jazeera che la nave ha risposto a droni e missili lanciati dal territorio dello Yemen controllato dagli Houthi.

"Siamo a conoscenza di rapporti riguardanti attacchi alla USS Carney (un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke ndr) e a navi commerciali nel Mar Rosso e forniremo informazioni non appena saranno disponibili", ha fatto sapere il Pentagono.

178 CONDIVISIONI
608 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni