218 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

L’ultimo grande ospedale di Gaza ha smesso di funzionare: “Pazienti vanno trasferiti urgentemente”

L’ultima grande struttura sanitaria nella Striscia è stata dichiarata “completamente fuori servizio” dalle autorità locali palestinesi dopo gli ultimi raid israeliani. “Ci sono ancora circa 200 pazienti in ospedale. Almeno 20 necessitano di essere trasferiti urgentemente in altri ospedali” avverte l’Oms, denunciando che gli israeliani impediscono la consegna carburante per i generatori.
A cura di Antonio Palma
218 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'ospedale Nasser di Gaza ha smesso di funzionare, l’ultima grande struttura sanitaria nella Striscia è stata dichiarata “completamente fuori servizio” dalle autorità locali palestinesi dopo gli ultimi raid israeliani e di conseguenza "non più funzionante". La conferma è arrivata anche dall’Oms secondo il quale per il centro medico di Khan Younis ora serve un intervento urgente per trasferire i pazienti più gravi e impossibilitati a muoversi autonomamente.

L’ospedale, che è stato teatro di una irruzione armata dalle forze israeliane la scorsa settimana, da tempo è nel mirino degli israeliani perché ritenuto uno dei luoghi in cui sarebbero stati trattenuti gli ostaggi catturati da Hamas il 7 ottobre scorso. Secondo i funzionari sanitari palestinesi, da giorni ormai nell’ospedale Nasser non c’è energia né personale sufficiente per curare le centinaia di pazienti che arrivavano con ferite da guerra o affetti da patologie causate dal peggioramento della crisi sanitaria a Gaza.

Immagine

"L’ospedale ospita ancora centinaia di pazienti affetti da ferite di guerra e da patologie scatenate dal peggioramento della crisi sanitaria a Gaza, ma non c'è elettricità né personale sufficiente per curarli tutti" hanno detto i funzionari sanitari. Il portavoce del ministero della Sanità di Gaza, Ashraf al-Qidra, ha spiegato che l’ospedale è stato dichiarato fuori servizio domenica mattina presto dopo che la fornitura di acqua all’ospedale è stata interrotta perché i generatori erano fuori servizio da tre giorni, le acque reflue stavano allagando in pronto soccorso e il personale rimanente non aveva modo di curare i pazienti in terapia intensiva.

Secondo al-Qidra al momento in tutto l’ospedale ci sono solo quattro equipe mediche, 25 dipendenti in tutto, a prendersi cura dei pazienti. Inoltre la mancanza di forniture di ossigeno ha causato la morte di almeno sette pazienti nelle ultime ore.

Immagine

"Ci sono ancora circa 200 pazienti in ospedale. Almeno 20 necessitano di essere trasferiti urgentemente in altri ospedali per ricevere assistenza sanitaria” ha avverto invece il capo dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Secondo l’Agenzia sanitaria Onu, al team dell'OMS non è stato permesso di entrare in ospedale per valutare le condizioni dei pazienti e le necessità mediche, nonostante avesse raggiunto il complesso ospedaliero per consegnare carburante e medicinali".

L'ospedale Nasser a Gaza è stato dichiarato non più funzionante dopo un assedio israeliano durato una settimana, seguito a raid dei soldati all’interno. L'esercito israeliano ha detto che nessuno è morto a causa delle sue azioni, aggiungendo che alle sue truppe era stato detto di mantenere in funzione l'ospedale. L'IDF ha descritto la sua operazione come "precisa e limitata" e ha accusato Hamas di "usare cinicamente gli ospedali a scopo terroristico". I combattimenti intorno all’ospedale però infuriano da settimane.

218 CONDIVISIONI
720 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views