21 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

La storia di Amit, rapita da Hamas il 7 ottobre: “Così mi hanno torturata e violentata”

La donna ha raccontato al New York Times la sua esperienza da ostaggio di Hamas prima della liberazione: la quarantenne ha subito torture e abusi sessuali.
A cura di Davide Falcioni
21 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Amit Soussana, un'avvocata di 40 anni, ha raccontato di essere stata violentata da un esponente di Hamas dopo essere stata rapinata il 7 ottobre 2023. Intervistata dal New York Times, la donna è la prima ad aver parlato pubblicamente degli stupri subiti durante la prigionia, trascorsa per buona parte in una camera da bambino di un palazzo della Striscia di Gaza. Lo stupro sarebbe stato commesso intorno al 24 ottobre, quando era stata brevemente liberata per poter usare il bagno.

Il NYT ha spiegato che il resoconto di Soussana di ciò che è accaduto è coerente con i resoconti visionati dal giornale e la stessa dottoressa Julia Barda, l’assistente sociale che ha parlato con la donna dopo il suo rilascio, ha detto al quotidiano che l’ostaggio liberato "ha parlato immediatamente, in modo fluente e dettagliato, non solo della sua violenza sessuale, ma anche di molte altre prove che ha vissuto".

Soussana ha raccontato che nei giorni che hanno preceduto l’aggressione, la sua guardia le aveva posto domande intime inerenti la sua vita sessuale e il suo ciclo mestruale. "Ogni giorno chiedeva: ‘Hai avuto il ciclo? Ti è venuto il ciclo? Quando ti verranno le mestruazioni, quando saranno finite, ti laverai, farai la doccia e laverai i tuoi vestiti'". L'uomo avrebbe poi abusato di lei. Soussana ha anche spiegato di essere stata torturata pochi giorni dopo essere stata trasferita in un altro condominio, dove è stata consegnata a un uomo chiamato Amir e tenuta insieme ad altri quattro ostaggi.

La quarantenne ha raccontato che la sua testa è stata avvolta in una maglietta rosa dalle guardie, poi che è stata costretta a sedersi sul pavimento dove i suoi carcerieri l’hanno colpita con il calcio di una pistola. Poi, le sue mani sono state legate a un bastone che collegava due divani, provocandole un dolore immenso. Soussana ha detto che le guardie hanno continuato a picchiarla, concentrandosi sulle piante dei piedi mentre la interrogavano per ottenere informazioni che pensavano stesse nascondendo. "È stato così per circa 45 minuti. Mi picchiavano, ridevano e mi prendevano a calci, e chiamavano gli altri ostaggi per vedermi".

All’inizio di questo mese, le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto in cui si indicava che stupri e stupri di gruppo sarebbero probabilmente avvenuti durante l’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, e che ci sono prove "chiare e convincenti" che dimostrano che gli ostaggi sono stati violentati mentre erano trattenuti a Gaza, e che coloro che sono attualmente tenuti prigionieri stanno ancora subendo tali abusi.

21 CONDIVISIONI
826 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views