video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

La Russia ridimensiona piani per guerra in Ucraina. “Si concentrerà su territori già conquistati”

A riportarlo è l’agenzia Bloomberg, la decisione sarebbe dovuta agli scarsi risultati ottenuti finora. La Russia vuole inoltre arruolare 400.000 soldati a contratto per rimpiazzare quelli caduti sul campo di battaglia.
A cura di Biagio Chiariello
54 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il Cremlino avrebbe ridimensionato i piani per un'ulteriore offensiva in Ucraina in primavera e si concentrerà sulla difesa dei territori già conquistati in questo anno di guerra in previsione di una eventuale controffensiva delle forze di Kiev che dovrebbe concretizzarsi a breve.

A riportarlo è l'autorevole agenzia Bloomberg che cita alcuni fonti, secondo le quali la decisione sarebbe stata presa alla luce degli scarsi progressi registrati finora sul campo di battaglia.

Russia vuole arruolare 400mila soldati a contratto

La Russia vuole inoltre arruolare "400.000 soldati a contratto" per rimpiazzare i morti sul campo di battaglia accusati fino ad ora, anche se gli esperti affermano che il numero non è realistico. Il reclutamento di nuovi militari  rientra nel piano per incrementare la percentuale di soldati di professione rispetto a quelli di leva, già annunciato da Putin e dal ministero della Difesa, scrive il sito Ura.Ru, citato dalla stessa Radio Svoboda.

Secondo le fonti, il Cremlino vuole evitare un'altra mobilitazione su larga scala in vista della campagna per le elezioni presidenziali del prossimo marzo. Le autorità avrebbero già avviato una campagna per reclutare i mercenari, mentre i funzionari sul campo hanno inviato convocazioni a potenziali volontari puntando soprattutto su veterani e residenti rurali.

“Mosca e Kiev hanno fatto esecuzioni sommarie prigionieri”

Nel frattempo le Nazioni Unite hanno condannato l’esecuzione di prigionieri da parte di entrambi gli eserciti.

"Siamo profondamente preoccupati per l'esecuzione sommaria di 25 prigionieri di guerra russi e persone fuori combattimento da parte delle forze armate ucraine, che abbiamo documentato. Ciò è stato spesso perpetrato subito dopo la cattura sul campo di battaglia. Pur essendo consapevoli delle continue indagini da parte delle autorità ucraine su cinque casi che coinvolgono 22 vittime, non siamo a conoscenza di alcun procedimento giudiziario contro gli autori". A dirlo è Matilda Bogner, capo della missione di monitoraggio dei diritti umani in Ucraina dell'Onu.

54 CONDIVISIONI
4347 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views