42 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

“La polizia d’Israele dietro gli attacchi ai camion aiuti a Gaza, informano coloni e attivisti di destra”

Secondo quanto riferito dal quotidiano inglese The Guardian, ci sarebbe la polizia d’Israele dietro gli attacchi ai camion di aiuti a Gaza: “Soldati informano gli attivisti di estrema destra e i coloni che vandalizzano i convogli”.
A cura di Ida Artiaco
42 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Singoli membri delle forze di sicurezza israeliane starebbero passando informazioni a coloni e ad attivisti di estrema destra sulla posizione dei camion umanitari che trasportano forniture vitali a Gaza, consentendo loro di bloccare e vandalizzare i convogli.

È quanto ha rivelato in esclusiva The Guardian, citando un portavoce del principale gruppo di attivisti israeliani dietro i blocchi. L'accusa di collusione da parte di membri delle forze di sicurezza è supportata da messaggi scambiati in alcune chat ed esaminati e verificati dallo stesso quotidiano inglese, nonché dai resoconti di numerosi testimoni e attivisti per i diritti umani.

Coloro che bloccano i convogli affermano che i veicoli vengono dirottati da Hamas invece di essere consegnati ai civili, affermazione respinta dalle agenzie di soccorso. Anche funzionari americani hanno affermato che Israele non ha offerto alcuna prova a sostegno delle accuse secondo cui Hamas sta dirottando gli aiuti.

Rachel Touitou, portavoce del gruppo israeliano Tzav 9, ha dichiarato che da gennaio il gruppo blocca i camion che attraversano Israele, sostenendo che gli aiuti vengono "dirottati" da Hamas una volta raggiunta Gaza.

Alcuni video diffusi la scorsa settimana mostravano convogli umanitari bloccati e vandalizzati dai coloni israeliani al checkpoint di Tarqumiya, a ovest di Hebron, nella Cisgiordania occupata da Israele. L’incidente, in cui gli attivisti hanno gettato a terra scatole di rifornimenti, ha suscitato indignazione, tanto che la Casa Bianca ha condannato l’attacco come "un comportamento completamente e assolutamente inaccettabile". Da allora, alcune ong e gruppi della sinistra israeliana hanno organizzato dei presidi a difesa dei camion. I camionisti palestinesi che trasportavano aiuti a Gaza hanno descritto al Guardian scene "barbare" dopo che i loro veicoli sono stati attaccati, sostenendo che i soldati israeliani che li scortavano non hanno fatto nulla per intervenire.

"C’è piena collaborazione tra i coloni e l’esercito. Siamo sorpresi che i soldati non ci abbiano fornito alcun tipo di protezione. Anche se erano presenti e osservavano ciò che stava accadendo", ha detto Yazid al-Zoubi, 26 anni, un camionista palestinese aggredito dai manifestanti la settimana scorsa al checkpoint di Tarqumiya.

42 CONDIVISIONI
891 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views