88 CONDIVISIONI
Conflitto Israelo-Palestinese

La bufala di Israele sul calendario nell’ospedale di Gaza con i nomi dei leader di Hamas

Il portavoce dell’esercito israeliano ha mostrato in un video un calendario all’interno di un ospedale di Gaza affermando che vi erano scritti i nomi di miliziani di Hamas addetti alla sorveglianza degli ostaggi: in realtà, invece, su quel calendario erano semplicemente scritti i giorni della settimana.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
88 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto Israelo-Palestinese

L'esercito israeliano ha mostrato a favore di telecamere la presunta prova che Hamas utilizzerebbe i sotterranei degli ospedali come basi logistiche per depositare armi e detenere ostaggi. In un filmato diffuso ieri il contrammiraglio Daniel Hagari, portavoce dell'IDF, ha dichiarato in lingua inglese che il gruppo terroristico "si nasconde" nelle strutture sanitarie. Poi ha aggiunto: "Oggi lo esporremo al mondo". Il militare, quindi, ha illustrato un seminterrato dell'ospedale pediatrico Rantisi di Gaza City, dichiarando che alcune stanze sarebbero state utilizzate per tenere ostaggi. Una sala era stata arredata in modo da sembrare un soggiorno: presentava tende alle finestre e appeso al muro vi era un calendario dei presunti turni di guardia rispettati dai miliziani a partire dal 7 ottobre, giorno in cui Hamas ha lanciato un attacco coordinato in territorio israeliano uccidendo 1.200 persone e catturando almeno 200 ostaggi.

Il filmato girato dal contrammiraglio Daniel Hagari è stato rilanciato sui social anche dall'account ufficiale dell'esercito israeliano: "Sotto l'ospedale Rantisi a Gaza, le forze dell'IDF hanno trovato una stanza dove si ritiene fossero tenuti ostaggi israeliani", spiega un post su X. "Il calendario trovato nella stanza recava i giorni successivi al ‘Massacro' del 7 ottobre con il titolo ‘Operazione Al-Aqsa Flood', il nome che Hamas ha attribuito al terribile attacco contro Israele". Secondo Hagari su quel calendario sarebbero stati scritti i nomi dei leader di Hamas che avrebbero dovuto controllare gli ostaggi.

I nomi dei miliziani di Hamas nel calendario? Inesistenti

Ma è davvero così? Una più attenta analisi condotta da conoscitori della lingua araba ha clamorosamente smentito le affermazioni dell'IDF e accusato le forze armate israeliane di diffondere notizie false: su quel calendario, infatti, non erano affatto scritti i nomi dei miliziani di Hamas, ma semplicemente i giorni della settimana in lingua araba: domenica, lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato. Insomma, un semplicissimo calendario con una effettiva stranezza: la prima data, infatti, è proprio quella del 7 ottobre, giorno del massacro di Hamas. Tale circostanza ha indotto centinaia di utenti dei social ad accusare l'esercito israeliano di aver organizzato una vera e propria messinscena al solo scopo di giustificare i continui bombardamenti su strutture ospedaliere.

Cosa mostra il resto del video dell'IDF

Anche il resto del video sembra costruito ad arte diffuso dall'IDF sembra costruito ad arte. In un passaggio viene mostrata una stanza all'interno della quale c'è una sedia con una veste da donna e una corda, secondo Hagari la prova delle costrizioni a cui sono stati costretti gli ostaggi. La sedia era posizionata sotto a materiale donato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, con sopra un biberon e dei pannolini sul pavimento. "Questo è un crimine di guerra, questo è un crimine contro l’umanità", ha detto Hagari, accusando le organizzazioni internazionali che finanziano gli ospedali di aiutare il terrorismo di Hamas.

Immagine

Più avanti il filmato mostra una motocicletta, mezzo secondo Hagari utilizzato da un palestinese per trasportare ostaggi a Gaza. E sempre lo stesso portavoce dell'IDF ha mostrato anche un mucchio di armi, sostenendo che erano nascoste nel seminterrato dell'ospedale e che – naturalmente – si trattava di armi di Hamas. In realtà il video diffuso dall'esercito di Israeliano non dimostra in alcun modo che i sotterranei dell'ospedale pediatrico Rantisi erano utilizzati da Hamas, e l'affidabilità delle ricostruzioni di Hagari (emblematica quella del calendario) lascia alquanto a desiderare. Il sospetto è che si tratti di un video di propaganda girato dall'esercito per motivare i raid aere sugli ospedali della Striscia di Gaza.

88 CONDIVISIONI
634 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views