349 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
15 Marzo 2022
17:52

Ella Rossman, la leader femminista russa: “Qui le donne sono state le prime a opporsi alla guerra”

Intervista a una delle leader del movimento femminista russo contro la guerra: “Ci hanno arrestato e torturato, ma andiamo avanti”. Come sfuggire alla repressione ai tempi di Putin.
A cura di Redazione
349 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

a cura di Viktorya Kokareva

All'inizio di marzo, le femministe russe hanno unito le forze e organizzato la resistenza femminista contro la guerra. Al momento è il gruppo di opposizione più organizzato in Russia. Abbiamo contattato un membro del gruppo di coordinamento, un'attivista e storica femminista russa, Ella Rossman. Abbiamo parlato della repressione che subiscono le ragazze, della violenza durante gli arresti e di come le donne russe devono lottare per l'umanizzazione dell'intero Paese.

Quali sono le caratteristiche della vostra resistenza contro la guerra?

Il nostro movimento sta ora cercando di fermare la guerra in ogni modo possibile. Quando è iniziata, tutte le femministe russe, ovviamente, sono rimaste scioccate. Da come è stata condotta questa guerra contro i civili fin dall'inizio e dal fatto che il nostro Stato ha deciso di invadere il territorio di uno Stato sovrano indipendente. Ma è anche diventato un duro colpo per tutto ciò che abbiamo fatto per molti anni in Russia. Negli ultimi 10 anni, il movimento femminista si è sviluppato attivamente, le nostre attiviste, infatti, hanno fatto ciò che le organizzazioni e gli organismi statali avrebbero dovuto fare come ad esempio, fornire sostegno alle donne in situazioni di violenza domestica. Dopo l'inizio della guerra, tutta questa lotta viene spazzata via. Ci sarà più povertà e più violenza in Russia, soprattutto dopo tutte le sanzioni.  Questa guerra non l'ha capita nessuno, così le femministe sono diventate la prima forza di opposizione in Russia a creare un'associazione contro la guerra. Le nostre due linee d'azione principali ora sono protestare e informare. Da un lato, uniamo gruppi femministi in tutta la Russia, ci sono stati più di 45 gruppi femministi organizzati in tutta la Russia in diverse città. I gruppi fuori dal Paese si uniscono a noi: in Italia, Svizzera e USA, ad esempio, hanno manifestato sotto i nostri simboli. Organizziamo delle proteste in strada contro la guerra e chiediamo al governo di fermarla. I gruppi all'estero chiedono pressioni da parte dei governi locali sul governo russo. E la seconda cosa che facciamo è informare. In Russia, dall'inizio della guerra, la maggior parte dei media indipendenti è stata bloccata o chiusa anche prima dell'inizio del conflitto. Ora i social media sono bloccati o rallentati dal governo. Le persone ottengono pochissime informazioni indipendenti, per lo più è propaganda di Stato. Il primo modo è distribuire volantini, il secondo è attraverso campagne online che lanciamo regolarmente sui social network. Lo facciamo non solo su Instagram, ma anche sui social network ad esempio, su Odnoklassniki (social media russo popolare tra le persone di età compresa tra 40 e 70 anni), abbiamo lanciato una parodia dei messaggi "invia a sette amici e sarai felice". Ma le abbiamo chiamate "lettere di sventura" e abbiamo scritto un testo contro la guerra con informazioni sulle vittime.

Ora anche distribuire volantini contro la guerra in Russia è molto pericoloso. Quali sono i consigli che date a chi manifesta?

Ora qualsiasi protesta è molto pericolosa, a causa delle nuove leggi sul tradimento della patria (fino a 20 anni di reclusione) e della legge sulle fake news (fino a 15 anni), è vietato diffondere qualsiasi informazione sulla guerra se non quella approvata dal Ministero della Difesa. Ogni manifestante viene arrestato per le strade, nonostante il fatto che i picchetti singoli non siano ancora vietati dalla legge nel nostro paese. Molte delle nostre ragazze sono già state portate via di peso alla polizia per aver affisso volantini, quindi avvertiamo apertamente i nostri partecipanti che questo è pericoloso. Abbiamo un canale Telegram che descrive gli strumenti di sicurezza di base: suggeriamo di prepararsi alla distribuzione dei volantini come per le manifestazioni, "andateci sempre con qualcuno, con telefono carico, acqua, restate in contatto, salvatevi i contatti degli avvocati dal dipartimento di OVD – info (un'organizzazione russa per i diritti umani che fornisce la prima assistenza legale ai raduni)". Per le campagne online, abbiamo anche un meccanismo per la comunicazione sicura su Internet, spieghiamo cosa sono i messenger crittografati, dove puoi chattare, dove no, quale applicazione usare in modo che cancelli tutta la tua corrispondenza quando vieni arrestato. Anche Telegram è diventato pericoloso, perché la sua corrispondenza viene spesso utilizzata per accusarti di “terrorismo telefonico” ed estremismo. Inoltre, tengo d'occhio come si comportano gli altri gruppi nello spazio online e faccio loro regolarmente sapere se si mettono in pericolo.

Manifestazione femminista contro la guerra
Manifestazione femminista contro la guerra

In che modo venite colpite dalla repressione?

Direi che siamo i più organizzati in Russia adesso. Prima della guerra, Yulia Tsvetkova è stata incarcerata per pornografia (illustratrice attivista che disegnava fumetti sui diritti delle donne) e Anna Dvornichenko (specialista in studi di genere e organizzatrice di festival femministi), che è stata praticamente cacciata dal Paese. Abbiamo avuto molte repressioni nel nostro gruppo, ma allo stesso tempo, in una cultura patriarcale, le donne sono sempre sottovalutate e in Russia non si aspettavano che diventassimo una forza politica. Il nostro gruppo principale è deliberatamente ridotto in modo da non sminuire l'efficacia del nostro lavoro. Chiediamo a tutti i gruppi femministi nelle diverse città di auto-organizzarsi e discutere in modo indipendente le azioni che proponiamo loro e di non unirsi al nostro gruppo. Questa è una questione di sicurezza, perché se vengono a prendere noi, ci saranno comunque molte cellule autonome che potranno continuare a funzionare da sole. Inoltre, alcuni hanno già lasciato il territorio della Russia, perché la polizia è già a conoscenza delle nostre attività e molti attivisti sono già stati perquisiti e arrestati con l'accusa di "terrorismo telefonico". Questo tipo di accusa è un nuovo modo per la polizia di sospendere le attività degli attivisti per un po' e intimidirli.

Puoi dirci di più sul comportamento della polizia durante le manifestazioni?

Il 6 marzo abbiamo avuto diverse colonne di donne come parte delle azioni in Russia contro la guerra. Molte delle nostre ragazze hanno partecipato in città diverse. La stessa sera degli arresti, abbiamo ricevuto informazioni su diversi casi di percosse e torture di ragazze da parte della polizia. A San Pietroburgo sono stati segnalati anche casi di violenza sessuale da parte di agenti di polizia. E ora il Consiglio per i diritti umani in Russia ha annunciato che il Ministero degli Affari Interni e il Comitato Investigativo stanno conducendo un'ispezione in una delle stazioni di polizia di Brateevo, dove una delle nostre ragazze ha registrato un audio di come gli agenti l'hanno picchiata e costretta a rispondere alle loro domande. Questa ragazza, tra l'altro, in seguito ha detto che nella sua infanzia suo padre la picchiava spesso, quindi in questa situazione ha mantenuto la lucidità ed è riuscita ad accendere il registratore. L'8 marzo abbiamo organizzato un'azione mondiale in memoria dei morti ucraini. Abbiamo suggerito alle ragazze in Russia di recarsi ai monumenti della seconda guerra mondiale nelle loro città, in quanto presenti in qualsiasi città e villaggio, e di deporre fiori in segno di protesta. Hanno partecipato 112 città in tutto il mondo. Ciò era particolarmente importante per le piccole città, dove le ragazze pensavano di essere le uniche a essere contro la guerra, quindi sono andate ai monumenti e hanno visto un mucchio di bouquet, cartoline e poster contro la guerra e sono rimaste sorprese. Questo ha dato loro la consapevolezza di non essere sole.

Manifestazione contro la guerra negli Usa, con i simboli delle femministe russe
Manifestazione contro la guerra negli Usa, con i simboli delle femministe russe

Qual era il lavoro che facevate prima dello scoppio della guerra nella società russa?

Sì, c'è un'idea sbagliata in Europa che la parità di genere in Russia sia stata raggiunta sotto i bolscevichi, ma questo non è vero nemmeno da un punto di vista storico. E anche nella moderna Russia post-sovietica le cose sono peggiorate, negli ultimi anni abbiamo fortemente limitato la possibilità di abortire, ridotto il tempo in cui si può averla, molte cliniche hanno reso obbligatorio consultare i sacerdoti se una donna decide di interrompere una gravidanza. In Russia non esiste una legge sulla violenza domestica, la pena massima per questo reato è una multa, non abbiamo una normale protezione per la famiglia, non ci sono strutture protette. Le femministe hanno combattuto a lungo per questa legge, ma non è mai stata adottata. Tutte le nostre strutture protette e il lavoro psicologico con le vittime di violenza sono svolti dagli sforzi di volontari e non con l'aiuto del sostegno statale. Le femministe stanno cercando di umanizzare la società russa. Abbiamo una tolleranza molto alta per la violenza: se uno studente viene picchiato a scuola, allora viene disciplinato, se un uomo picchia una donna, allora si sistemano le cose. Le femministe stanno cambiando questo punto di vista, spiegando e dimostrando che possiamo vivere diversamente, che non è normale restare in silenzio sulla violenza. C'è stata una comprensione di questo problema. Ragazzi, pro-femministe, hanno cominciato a unirsi a noi, a partecipare alle nostre azioni. Ma pensiamo che la guerra ci riporterà indietro di molti anni in questo senso.

349 CONDIVISIONI
2698 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni