455 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Come l’Europa vuole diventare indipendente dal gas e dal petrolio russi

“Siamo troppo dipendenti dalla Russia, in particolare sul gas. Dobbiamo diversificare le forniture e aumentare la condivisione delle rinnovabili”: lo ha detto Ursula von der Leyen presentando un piano di graduale eliminazione della dipendenza dai combustibili fossili che vengono importati dalla Russia entro il 2027.
A cura di Annalisa Girardi
455 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La Commissione europea punta a eliminare gradualmente la dipendenza dai combustibili fossili che vengono importati dalla Russia entro il 2027. Oggi la presidente dell'esecutivo Ue, Ursula von der Leyen, ha presentato la proposta, denominata RePower Eu al vertice informale del Consiglio europeo, riunitosi a Versailles.

Il piano, presentato anche in una serie di slides su Twitter da von der Leyen, prevede la diversificazione delle forniture di gas e, al tempo stesso, il rafforzamento delle rinnovabili. "A breve termine, dobbiamo affrontare i prezzi elevati dell'energia e prepararci per il prossimo inverno. Oltre alla regolamentazione dei prezzi e agli aiuti di Stato, stiamo esaminando opzioni per limitare l'aumento dei prezzi dell'elettricità. A breve proporremo lo stoccaggio del gas almeno al 90% entro il 1 ottobre di ogni anno", ha scritto ancora la presidente della Commissione.

Von der Leyen ha aggiunto: "Siamo troppo dipendenti dalla Russia, in particolare sul gas. Dobbiamo diversificare le forniture, puntando in particolare al gnl. Dobbiamo aumentare la condivisione delle rinnovabili", ha scritto ancora la presidente della Commissione.

"Dobbiamo ripensare la difesa europea, con capacità forti, e ripenseremo l'energia: dobbiamo sbarazzarci dei carburanti fossili dalla Russia, e per questo abbiamo bisogno di massicci investimenti nelle rinnovabili. È anche un investimento nella nostra sicurezza e nella nostra indipendenza, che crea posti di lavoro, le rinnovabili sono fonti energetiche locali", ha sottolineato. La presidente ha anche annunciato che in questi due giorni di vertice a Versailles, i leader europei discuteranno anche l'ingresso dell'Ucraina nell'Unione: "Vogliamo una Ucraina libera e democratica, con la quale condividere il futuro", ha detto.

Infine, von der Leyen ha concluso: "Questo è un momento decisivo per l'Unione europea. Questo non è solo un attacco all'Ucraina. Questo è un attacco alla libertà delle persone di scegliere il proprio destino. Il principio stesso su cui si basa la nostra Unione. Dobbiamo mostrare il potere delle nostre democrazie".

455 CONDIVISIONI
4319 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views