84 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

“A Gaza 19mila bambini rimasti orfani o soli, sono sotto choc”: l’allarme di Unicef

Secondo Jonathan Crickx, capo delle comunicazioni dell’Unicef Palestina “a Gaza 19mila bambini sono rimasti orfani o sono soli, senza alcun adulto che si prenda cura di loro”. Per l’Oms la popolazione nella Striscia “sta morendo di fame”.
A cura di Ida Artiaco
84 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

A Gaza 19mila bambini sono rimasti orfani o sono soli, senza alcun adulto che si prenda cura di loro. A dare i numeri di questa tragedia umanitaria che diventa ogni giorno sempre più pesante dopo il 7 ottobre con l'attacco di Hamas a Israele e la risposta di Tel Aviv è Jonathan Crickx, capo delle comunicazioni dell'Unicef Palestina.

Parlando alla BBC, Crickx, che si trova al momento a Rafah, ha sottolineato che "molti di questi minori sono stati ritrovati sotto le macerie o hanno perso i genitori nel bombardamento della loro casa". Altri ancora sono stati trovati ai checkpoint israeliani, negli ospedali e per le strade. "I più piccoli – ha aggiunto – molto spesso non riescono a dire il loro nome e anche i più grandi sono solitamente sotto choc, quindi può essere estremamente difficile identificarli e potenzialmente raggrupparli con la loro famiglia allargata".

L’Unicef ritiene che quasi tutti i bambini di Gaza abbiano ora bisogno di sostegno per la salute mentale. Anche quando ci sarà un cessate il fuoco duraturo, molti si ritroveranno con perdite terribili che faranno fatica a superare, ha sottolineato il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia.

A lanciare un nuovo allarme nelle scorse ore è stata anche l'Organizzazione mondiale della Sanità, secondo cui la popolazione di Gaza "sta morendo di fame". È quanto ha denunciato Michael Ryan, direttore del programma per le emergenze sanitarie dell'Oms, dopo che i principali Paesi donatori hanno annunciato la sospensione dei loro aiuti all'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa). "Questa è una popolazione che sta morendo di fame. Questa è una popolazione che è spinta sull'orlo del baratro", ha detto Ryan durante una conferenza stampa a Ginevra.

Anche la situazione nei due ospedali a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, "sta peggiorando". È quanto afferma il ministero della Sanità locale, che ha aggiunto che entrambi i presidi, quello di Nasser e di Al-Amal, hanno esaurito le scorte di cibo. Lo riporta Al Jazeera. "Riteniamo l'occupazione israeliana pienamente responsabile della vita del personale medico, dei pazienti e degli sfollati nel complesso medico Nasser e nell'ospedale Al Amal di Khan Yunis", si legge nel comunicato del ministero, aggiungendo un appello alla Croce Rossa e alle Nazioni Unite affinché intervengano per proteggere le vite dei pazienti e degli sfollati palestinesi che vi si rifugiano e consentano la consegna urgente di cibo.

84 CONDIVISIONI
720 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views