14 Settembre 2021
10:14

Cashback in autostrada, Aspi lancia l’app che rimborsa gli automobilisti per il tempo perso in coda

L’applicazione permetterà di ottenere un rimborso del costo del viaggio per i ritardi in autostrada. Si chiama Free To X Cashback e sarà disponibile per tutti i dispositivi mobili: l’utente potrà segnalare lavori in corso e disagi nella tratta di percorrenza per richiedere un ristoro del prezzo del viaggio per il tempo trascorso in coda.
A cura di Giuseppe Pastore

Il tempo è denaro, soprattutto se trascorso in autostrada. Dal 15 settembre sarà disponibile l'app Free To X Cashback messa a punto da Autostrade per l'Italia che permetterà ai viaggiatori di segnalare ritardi sulla tratta percorsa e richiedere un rimborso per il tempo trascorso in coda. Una piccola rivoluzione per gli automobilisti italiani che ben conoscono i tempi di attesa a cui spesso sono costretti a causa, ad esempio, di lavori di manutenzione in corso o di altri disagi.

È bene precisare che l'applicazione prenderà in carico solo le richieste dovute a ritardi significativi che vanno oltre i tempi medi di percorrenza di una determinata tratta autostradale. La piattaforma, infatti, monitorerà il traffico in autostrada e verificherà, quindi, che la richiesta di rimborso sia giustificata.

Come funzionerà l'app per richiedere il rimborso in autostrada

A partire da domani l'applicazione Free To X Cashback potrà essere scaricata su tutti i dispositivi mobili. Gli automobilisti potranno segnalare disagi o lavori in corso che, causando code o rallentamenti, aumenteranno i tempi di percorrenza del percorso. L'app è stata testata per circa un anno, coinvolgendo associazioni dei consumatori e più di 6mila driver che hanno inviato feedback agli sviluppatori per monitorare il traffico, calcolare i tempi medi di attraversamento e, in definitiva, implementare la piattaforma prima del lancio.

Quando si potrà richiedere il rimborso

Entro la giornata di oggi saranno chiariti i dettagli sul funzionamento dell'applicazione e si conosceranno quali saranno le cause da cui può dipendere la richiesta di rimborso da parte dell'utente. Per adesso, infatti, l'ipotesi più certa è quella di lavori di manutenzione sulla rete autostradale. Una volta inviata la segnalazione da smartphone, la piattaforma ne verificherà la fondatezza e in caso positivo rimborserà all'automobilista parte del tempo speso in coda. Il costo del viaggio dovrebbe essere restituito per i vari pagamenti effettuati in autostrada (come il pedaggio al casello o con sistema Telepass) e in casi eccezionali potrebbe essere completamente rimborsato. Il cashback autostradale avverrà attraverso accredito su conto bancario. Insomma, restare imbottigliati nel traffico potrebbe non essere più un'esperienza così negativa.

Cashback in autostrada, come funziona l'app per i rimborsi da ritardi causati da cantieri e lavori
Cashback in autostrada, come funziona l'app per i rimborsi da ritardi causati da cantieri e lavori
Drammatico incidente sull'autostrada A20 a Messina: auto giù dal viadotto, automobilista salvato
Drammatico incidente sull'autostrada A20 a Messina: auto giù dal viadotto, automobilista salvato
Perchè la benzina continua ad aumentare: i motivi dei rincari sul prezzo
Perchè la benzina continua ad aumentare: i motivi dei rincari sul prezzo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni