144 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Matteo Messina Denaro

Nuove perquisizioni dopo arresto di Messina Denaro: inquirenti a casa dell’ex amante e del fratello

Oggi i carabinieri del Ros hanno effettuato perquisizioni a casa di Maria Mesi, ex amante di Matteo Messina Denaro, e del fratello Francesco Mesi a Bagheria: entrambi erano già stati indagati per aver favorito la latitanza del boss di Castelvetrano.
A cura di Ida Artiaco
144 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nuova giornata di perquisizioni in Sicilia nell'ambito delle indagini in seguito alla cattura di Matteo Messina Denaro. Oggi i carabinieri del Ros sono entrati in due abitazioni di Bagheria, vicino Palermo.

Si tratterebbe della casa della storica amante del Padrino di Castelvetrano, rimasto latitante fino al 16 gennaio: lei si chiama Maria Mesi, nel 2000 fu arrestata e poi condannata a due anni per favoreggiamento. Insieme a lei finirono in carcere altre due persone accusate di essere intestatarie del contratto di affitto di un appartamento in cui Messina Denaro si nascondeva ad Aspra, nel Palermitano.

Maria Mesi fu condannata in primo e in secondo grado per favoreggiamento aggravato alla mafia. La Cassazione annullò l'aggravante sostenendo che il rapporto sentimentale con il boss escludesse l'agevolazione di Cosa nostra. Gli investigatori trovarono diverse lettere d'amore che il capomafia e la donna si erano scambiati.

L'arresto del boss Matteo Messina Denaro
L'arresto del boss Matteo Messina Denaro

Ma oggi sarebbe stata perquisita anche la casa del fratello, Francesco Mesi. Anche lui era stato già indagato per aver favorito la latitanza del capomafia, poi patteggiò la pena. Da quanto risulta un’ispezione sarebbe in corso anche nella sede della Torrefazione Agorà, impresa gestita dagli stessi Mesi.

Intanto, continuano gli accertamenti anche a Campobello di Mazara su due donne che avrebbero frequentato il boss negli ultimi mesi prima che venisse arrestato. I loro numeri di telefono sono stati trovati su alcuni biglietti rinvenuti nel covo di via CB 31, dove Messina Denaro avrebbe vissuto dallo scorso giugno, insieme ad abiti e oggetti femminili.

Matteo Messina Denaro poco prima dell'arresto
Matteo Messina Denaro poco prima dell'arresto

Una di loro, in particolare, si è presentata spontaneamente alla stazione dei carabinieri di Campobello di Mazara, dichiarando di non essere stata a conoscenza della reale identità dell'uomo, ma di aver capito che si trattava di Messina Denaro solo dopo averlo visto in tv nei giorni successivi all'arresto. Le perquisizioni nei loro appartamenti sono già state effettuate.

144 CONDIVISIONI
377 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views