601 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Emergenza lavoro

“Migliaia di cv inviati ma nessuna risposta. Cosa deve fare un 50enne per vivere dignitosamente?”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un 56enne, attualmente disoccupato, che dice di continuare a impegnarsi nel cercare un lavoro ma non riuscire neppure ad accedere a un colloquio conoscitivo: “Non si tratta solo di portare a casa il pane, è anche un discorso di dignità”.
A cura di Redazione
601 CONDIVISIONI

Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La nostra redazione riceve lettere e testimonianze relative a storie che riguardano il mondo del lavoro. Decidiamo di pubblicarle non per dare un'immagine romantica del sacrificio, ma per spingere a una riflessione sulle condizioni e sulla grande disparità nell'accesso a servizi essenziali. Invitiamo i nostri lettori a scriverci le loro storie cliccando qui.

La lettera che segue, simile a molte altre pubblicate su Fanpage.it negli ultimi giorni, la firma un 56enne attualmente disoccupato che racconta di aver iniziato ad avere i primi problemi una volta superati i 40 anni. Anche se, scrive, "mi ritrovo un carattere che mi permette di insistere nella ricerca". "Migliaia e migliaia di cv inviati, in qualunque settore, neppure una risposta. Neppure la possibilità di un colloquio conoscitivo. Allora qualcuno mi spieghi un over 40-50-60 cosa dovrebbe fare".

La lettera a Fanpage.it

Sono un 56enne disoccupato, da quando ho superato i 40 anni ho iniziato ad avere seri problemi a reintegrarmi nel mondo del lavoro. Nella sfortuna, mi ritrovo comunque un carattere che mi permette di insistere nella ricerca. E dopo lunghi periodi di inattività ho lavorato per qualche mese.

Il problema è che dopo brevi periodi di lavoro, nessuna azienda mi dà la possibilità di continuare a tempo indeterminato. Da un po' di tempo la situazione è diventata ancora più drammatica. Migliaia e migliaia di cv inviati, in qualunque settore, neppure una risposta. Neppure la possibilità di un colloquio conoscitivo.

Allora qualcuno mi spieghi un over 40-50-60 cosa dovrebbe fare…Non si tratta solo di portare a casa il pane, è anche un discorso di dignità. Non posso percepire la Naspi, né altri aiuti perché già successo in passato e le settimane di lavoro che ho potuto accumulare non sono sufficienti.

Non vorrei essere mantenuto dallo Stato, è deprimente, ma si applichino delle politiche per l'emergenza disoccupazione in età avanzata.

601 CONDIVISIONI
153 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views