2.736 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Matteo Messina Denaro

Matteo Messina Denaro, l’autista e fiancheggiatore Luppino: “Non sapevo che fosse il boss”

“Non sapevo di essere in auto con Matteo Messina Denaro, solo un pazzo lo avrebbe accompagnato sapendo fosse il boss”. Così si è difeso Giovanni Luppino, autista e fiancheggiatore del capo di Cosa Nostra arrestato nella giornata di lunedì 16 gennaio.
A cura di Gabriella Mazzeo
2.736 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Non sapevo che quello fosse Matteo Messina Denaro. Solo un pazzo avrebbe potuto accompagnarlo sapendo che si trattava del boss". Si è difeso così Giovanni Luppino, autista e fiancheggiatore del super latitante arrestato nella giornata di lunedì a Palermo nel pieno centro cittadino. L'uomo lo aveva accompagnato presso la clinica "La Maddalena", dove Messina Denaro era in cura da ormai un anno.

Luppino avrebbe rilasciato questa dichiarazione davanti al suo legale, l'avvocato Giuseppe Ferro, al termine dell'udienza di convalida davanti al Gip che si è svolta nel carcere Pagliarelli. Il commerciante di olive di 59 anni ha sostenuto di non conoscere Messina Denaro e di averlo accompagnato credendo che si trattasse di Francesco Bonafede, cognato del 59enne Andrea. "L'ho accompagnato – avrebbe detto – perché doveva sottoporsi alla chemioterapia".

Giovanni Luppino lavorava nel settore del commercio delle olive e dell'agricoltura. Originario di Campobello di Mazara, paese nei pressi di Castelvetrano, gestiva insieme ai figli un centro per l'ammasso delle olive nei pressi della periferia. Nell'attività di famiglia gestiva il ruolo di intermediario tra i produttori e gli acquirenti che arrivavano in zona dalla Campania.

L'uomo è stato arrestato nella mattinata del 16 gennaio insieme al boss latitante. Il 59enne, a differenza del capo di Cosa Nostra, avrebbe tentato la fuga, ma è stato fermato nei press di un bar poco lontano dalla clinica. Secondo gli inquirenti,  farebbe parte di una rete di fiancheggiatori che hanno permesso la latitanza di Matteo Messina Denaro.

Della stessa rete, stando quanto evidenziato finora dalle indagini, farebbe parte anche Andrea Bonafede, il geometra 59enne che avrebbe fatto da prestanome a Matteo Messina Denaro, fornendogli un'identità fasulla.

Bonafede, inoltre, avrebbe acquistato l'abitazione di vicolo San Vito nella quale il boss ha vissuto durante l'ultimo anno della sua latitanza.

Convalidato l'arresto.

Il gip di Palermo, Fabio Pilato, ha convalidato l'arresto di Giovanni Luppino, attualmente accusato di favoreggiamento aggravato e procurata inosservanza della pena. "A me è stato presentato come cognato di Bonafede, è stato proprio lui a farmelo conoscere. Io mi sono solo prestato ad accompagnarlo. Solo un pazzo lo avrebbe fatto per Matteo Messina Denaro".

2.736 CONDIVISIONI
370 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views