2.017 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Marzo 2020
22:13

Brescia, il padre di Dario Marcolin morto a causa del Coronavirus

Giancarlo Marcolin, 75 anni, è morto a Brescia a causa del Coronavirus. L’uomo era il padre di Dario Marcolin, ex calciatore e oggi commentatore per la piattaforma di sport in streaming, Dazn. Un grave lutto che aumenta la lista dei decessi nella provincia lombarda: sono 921 ad oggi le persone decedute.
A cura di Maurizio De Santis
2.017 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un grave lutto ha colpito l'ex calciatore, Dario Marcolin, oggi commentatore per DAZN (la piattaforma dello sport in streaming). Suo padre Giancarlo è morto a Brescia a causa del Coronavirus: l'uomo aveva 75 anni, il suo nome entra nella lista ufficiale delle persone decedute (921, +69 rispetto alla giornata di ieri) nel Comune lombardo in seguito all'infezione da Covid-19 (qui tutti gli aggiornamenti in tempo reale). Un numero che può essere anche superiore tenendo conto del fatto che tra i dati indicati nel registro sanitario non sono elencati i tanti decessi riconducibili a persone che hanno manifestato una sintomatologia propria del morbo ma alle quali non è stato effettuato alcun tampone per avere un riscontro definitivo.

Per quanto riguarda il numero delle persone contagiate, in base al numero dei tamponi effettuati i soggetti risultati positivi sono 6.298 (+393 rispetto alla rilevazione precedente). Anche in questo caso, però, le stime sembrano approssimative e si ipotizza un numero di infetti notevolmente superiore. A confermarlo anche le parole del primo cittadino di Brescia, Emilio del Bono, che ha puntato la propria riflessione su quei soggetti a cui non viene fatto alcun test ma vengono fatti restare a casa.

Nel Bresciano i contagi sono in numero superiore rispetto a quanto si dice. Anche il numero dei morti credo sia superiore perché tanti sono malati in casa e non sappiamo come stanno effettivamente – ha ammesso il sindaco del Comune lombardo -. La situazione nella nostra provincia è diventata critica, i numeri non calano e medici e infermieri non bastano più.

Durissima la situazione anche nella vicina Bergamo, un'altra delle città lombarde devastate dal morbo. L’aumento dei contagi resta stabile, +256, per un totale di 6.728 positivi ma il dato più allarmante è che tra le persone infettate dal morbo ci sono almeno 1.800 giovani di 30 anni che, a causa del Coronavirus, adesso hanno la polmonite.

2.017 CONDIVISIONI
28198 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni