28 Giugno 2011
19:09

Il pinguino che si era perduto è stato operato: le foto dell’intervento

Le foto di Happy feet il pinguino giunto su una spiaggia neozelandese qualche giorno fa e, attualmente, in convalescenza dopo due delicati interventi chirurgici.
A cura di Nadia Vitali
small_110625-214415_To250611est_1506

Era stato preannunciato che il lungo viaggio, il caldo, lo stress avrebbero potuto nuocere al pinguino imperatore che, pochi giorni fa, era stato avvistato sulla spiaggia neozelandese di Peka Peka, dopo una lunga nuotata che lo ha portato decisamente troppo lontano dal circolo polare antartico oltre che dal proprio branco. Le sue condizioni avevano immediatamente preoccupato tutti, essendo ormai diventato una celebrità: una celebrità con tanto di nome, Happy feet come il protagonista di un noto lungometraggio.

small_110628-121538_To280611est_1572

Ma la cosa che maggiormente ha nuociuto al Lost Emperor è stata la sabbia: sì perché fin da subito ci si è resi conto del fatto che il pinguino, abituato a nutrirsi della neve di cui è composto il suolo del Polo Sud aveva iniziato a cibarsi anche della sabbia che ricopriva la spiaggia neozelandese su cui era giunto, ignorando che questa non si sarebbe sciolta nel suo stomaco. Anche bastoncini e detriti sarebbero finiti nel suo piccolo stomaco, come quello mostrato in questa foto dal veterinario.

small_110628-121545_To280611est_1574

Un primo intervento si era già reso indispensabile pochi giorni fa, a causa di problemi legati alla disidratazione, inevitabile a causa della maggiore temperatura delle coste neozelandesi e dell'impossibilità di bere acqua attraverso la neve. Ma questa operazione non è stata sufficiente e così allo zoo di Wellington, dove attualmente è ospitato, un noto chirurgo si è occupato di Happy feet, affiancato da sei persone, allo scopo di sgombrare lo stomaco dai detriti inconsapevolmente ingeriti.

small_110628-121536_To280611est_1571

John Wyeth, questo il nome del primario gastroenterologo dell'ospedale di Wellington, grazie all'ausilio di una microtelecamera infilata attraverso la gola, ha potuto individuare e successivamente rimuovere la sabbia, i sassi ed i bastoncini che, bloccati, ostruivano la via per l'intestino.

small_110628-121533_To280611est_1570

Inizialmente si temeva anche per un eventuale suo ritorno "in patria": una volta effettuate tutte le operazioni e ristabilitosi, infatti, sembrava essere impossibile far ritrovare al pinguino la strada di casa. Per questo motivo un ricco signore neozelandese gli ha offerto un passaggio verso il circolo polare antartico: questo potrebbe essere l'unico modo per restituire l'animale al suolo natio.

small_110625-155444_To240611est_10364

La sorte di questo pinguino imperatore sta effettivamente a cuore a tutti, tanto che le sue foto hanno fatto il giro del mondo. Non resta dunque che augurargli una buona e rapida convalescenza nello zoo di Wellington ed un ritorno a casa appena gli sarà possibile.

small_110628-121542_To280611est_1573
Michele Molteni, lo youtuber del fai di te è stato operato al cuore
Michele Molteni, lo youtuber del fai di te è stato operato al cuore
23 di Videonews
Problemi con Dazn nella trasmissione delle partite di Serie A, i partiti chiedono intervento di Agcom
Problemi con Dazn nella trasmissione delle partite di Serie A, i partiti chiedono intervento di Agcom
Vuole dimagrire e si sottopone a intervento chirurgico: Patrizia muore a soli 47 anni
Vuole dimagrire e si sottopone a intervento chirurgico: Patrizia muore a soli 47 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni