551 CONDIVISIONI
Il caso Maria Sestina Arcuri

Morte Maria Sestina Arcuri, i giudici: “Landolfi voleva ucciderla, l’ha presa e lanciata dalle scale”

Sono uscite le motivazioni della sentenza della Corte d’Appello con cui i giudici hanno condannato a ventidue anni di reclusione per omicidio Andrea Landolfi, il fidanzato di Maria Sestina Arcuri.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Natascia Grbic
551 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il caso Maria Sestina Arcuri

"A giudizio di questa Corte Maria Sestina Arcuri è stata lanciata da Landolfi con una condotta che si è rivelata letale. E l’effetto letale era anche nei propositi dell’imputato. Landolfi ha afferrato la ragazza e l’ha lanciata". Così la Corte d'Appello nelle quarantotto pagine che motivano la condanna a ventidue anni di reclusione per Andrea Landolfi, il fidanzato di Maria Sestina Arcuri a processo per omicidio.

La Corte d'Appello ha ribaltato la sentenza di primo grado che aveva invece assolto Andrea Landolfi, propendendo per la caduta accidentale. Per i giudici della prima Corte d'Assise, i due fidanzati erano caduti insieme dalle scale dopo essere inciampati, rotolando su di esse. Un impianto totalmente sconfessato dai giudici d'Appello, che sostengono la caduta sia avvenuta dall'alto: Sestina, quindi, sarebbe stata letteralmente lanciata di sotto dal fidanzato al culmine di una lite.

"L’ha lanciata per le scale e ha omesso qualsiasi iniziativa per cercare di salvarle la vita, completando il suo disegno di morte", si legge ancora nelle motivazioni. "La sentenza di assoluzione è frutto di una non corretta valutazione delle prove. È stata privilegiata l’ipotesi tecnicamente meno probabile della dinamica dell’evento ancorandola alle prove dichiarative meno credibili. L’ipotesi della caduta accidentale è contraria alla logica, alle leggi della fisica e agli accertamenti medico legali sui corpi dell’imputato e della vittima".

Secondo i giudici, anche i comportamenti successivi di Andrea Landolfi sono stati tutti dettati dal voler nascondere l'accaduto, cercando di coprire quello che aveva fatto. "La condotta successiva al lancio è parte integrante del reato di omicidio. Le azioni, e sopratutto le omissioni, da lui compiute non costituiscono soltanto la realizzazione del delitto di omissione di soccorso, ma parte integrante dell’omicidio".

551 CONDIVISIONI
49 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views