708 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
14 Maggio 2022
15:21

Guerra in Ucraina, Di Maio: “Lavoriamo per la pace, le sanzioni servono a portare Putin al tavolo”

Il ministro degli Esteri ricorda l’importanza di lavorare su un doppio binario: per costruire la pace bisogna insistere con le sanzioni alla Russia, per convincere Putin a sedersi al tavolo del negoziato.
A cura di Tommaso Coluzzi
708 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

L'Italia sostiene l'Ucraina e lavora per la pace. Lo ribadisce chiaramente il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenendo al forum "Verso Sud" in corso a Sorrento, anche se in videocollegamento dalla Germania, dove c'è il vertice straordinario del G7. "Come evidenziato dal presidente del Consiglio Draghi a Washington in occasione dell'incontro con il Presidente Biden – ricorda Di Maio – occorre cominciare a chiedersi come si costruisce la pace". Il ministro degli Esteri ha ben chiari in mente i punti chiave su cui trovare un accordo prima possibile: "Tregue localizzate umanitarie per favorire le evacuazioni, cessate il fuoco generalizzato che deve prevedere un accordo generale e poi un accordo di pace definitivo".

Il ministro Di Maio torna ancora una volta sul concetto di "doppio binario", di cui già ha parlato nelle scorse settimane: da un lato indebolire la Russia con sanzioni sempre più stringenti, dall'altro sostenere l'Ucraina con aiuti militari e finanziari. "Stiamo ragionando sul sesto pacchetto a livello europeo, unico strumento pacifico che abbiamo per portare Putin al tavolo", spiega il titolare della Farnesina.

C'è un altro allarme, però, su cui Di Maio pone l'attenzione: "Le gravi ripercussioni della guerra sulla sicurezza alimentare nel Mediterraneo e in Africa sono un primo campanello d'allarme che richiede un intervento tempestivo della comunità internazionale". Poi annuncia: "Nel quadro dell'iniziativa della Presidenza tedesca del G7 sulla crisi alimentare, l'Italia organizza l' 8 giugno un ‘Dialogo Ministeriale con i Paesi del Mediterraneo' in collaborazione con la Fao, per comprendere esigenze e delineare misure d'intervento, anche sulla scorta della Dichiarazione di Matera sotto la Presidenza italiana del G20 nel 2021".

708 CONDIVISIONI
2237 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni